Nuove nomine Asl, c’è anche la moglie di Napoli

Scritto da , 17 maggio 2017

Pina Ferro

Nuove nomine di direttori delle unità operative complesse dell’Azienda Sanitaria Locale. Le nomine sono state effettuate ieri dal direttore generale dell Asl, Antonio Giordano e rientrano nell’implementazione del nuovo Atto Aziendale. Nel dettaglio sono stati nonimati: Giovanna Doria (moglie del sindaco di Salerno Vincenzo Napoli)a capo dell’unità complessa Area Integrata della fragilità; Mario Forlenza al vertice dell’ assistenza Accreditata (strutture di ricovero, attività di riabilitazione, attività specialistiche). Tre dirigenti medici sono stati invece riconfermati al vertice di altrettante strutture complesse si tratta di: Ferdinando Crescenzi, dell’Agro nocerino, Sicurezza dei pazienti e gestione rischio clinico; Aristide Tortora Servizio di Prevenzione e Protezione e Adamo Maiese – Medicina valutativa, legale e assicurativa. Tutti i dirigenti nominati sono già all’interno dell’Asl di via Nizza. Giovanna Doria aveva già partecipato. in passato, al bando , emanato da Antonio Squillante, per ricoprire il posto assegnatole ieri, ma senza successo. La Doria a seguito della mancata nomina aveva anche prodotto ricorso senza l’esito sperato. Non appena la notizia delle nomine è stata diffusa si sono alzate le polemiche. Al centro del dibattito le modalità con cui si è proceduto all’individuazione dei responsabili delle unità operative complesse. Infatti, pare, che non vi sia stato nessun bando pubblico così come previsto nella pubblica amministrazione.Nel bando vanno elencati tra le altre cose durata dell’incarico e requisiti di partecipazione. Stando alle voci di corridoio tutto ciò non vi sarebbe stato. Al momento queste sono solo voci che non trovano conferme. Sicuramente il quadro potrà essere molto più chiaro nelle prossime ore. Non vi è dubbio che il manager Giordano prima di procedere alle suddette nomine abbia valutato attentamente requisiti e professionalità dei camici bianchi messi all’apice delle strutture complesse dell’Azienda Sanitaria locale di via Nizza.

Consiglia