Nuova Ises, il Pm chiede il processo per 13 persone

Scritto da , 11 Ottobre 2018
image_pdfimage_print

Il Pm Dina Cassaniello ha chiesto il rinvio a giudizio per tredici esponenti della Nuova Ises: Tullio Gaeta, Giovanni Bellantonio, Alberto Gaeta, Cosetta Sica, Anna Palladino, Temistocle Cimmino, Massimo Cataldo, Tiziana Opromolla, Lucia Dabbene, Lucia Scocozza, Rosa Morriello, Teresa Cuozzo e Maria Stella Sansone. Undici imputati su tredici sono difesi dall’ex sindaco Melchionda (già amministratore dell’Ises). Ieri l’udienza preliminare davanti al Gup D’Ascoli che ha rinviato tutto a gennaio. Gli imputati devono rispondere di accuse – «infondate» si legge in una nota – contro Antonio Petrone e Teresa Di Candia, consiglieri comunali di Leu. Nell’esposto dei 13 firmatari, Petrone e Di Candia erano accusati di «arrecare danno al funzionamento corretto del Comune». Secondo i soci della Nuova Ises c’è una lobby in Comune che favorisce la clinica Elaion. «Tutto falso» si legge in una nota. Petrone e Di Candia nel consiglio del 16 dicembre 2016 espressero perplessità sull’assegnazione della Casa del Pellegrino alla Nuova Ises. L’Anac di Cantone, la Regione e l’Asl di Salerno avevano fatto lo stesso. La Procura della Repubblica di Salerno (Pm Cassaniello) ritiene che le accuse dell’Ises siano campate in aria. Petrone e Di Candia, e il presidente dell’Elaion (De Vita) si sono costituiti parte civile. In aula a gennaio saranno rappresentati dall’avvocato Federico Conte. C’è poi una seconda inchiesta. La Procura ha avviato un’indagine per ricettazione

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->