Nubi di polvere sopra il cantiere di Porta Ovest

Scritto da , 3 maggio 2014

A proposito di smog in città, oltre al mare inquinato (ed interdetto), alle centraline che mettono in allarme e alle fonderie Pisano, c’è un altro angolo della città che non certo eccelle o pare rispetti poi tanto l’ambiente. E’ il cantiere di Porta Ovest di via Ligea. Partito con il piede giusto, nel corso del tempo l’attenzione sta calando sempre di più. Ed è quanto mai palese e visibile la nube di polvere che s’alza costantemente con il passaggio dei mezzi pesanti. Soprattutto nell’angolo utilizzato da Marinelli, la ditta che fornisce (anzi realizza in loco) il calcestruzzo. Tra l’altro il mega “impastatore” con le montagnelle di sabbia sono ad un passo o – meglio sovrastano – la sede dell’Humanitas e, quindi, dell’ambulanza. Dunque basta poco per far diventare l’intera area portuale – porta d’ingresso della città, sbarco dei crocieristi, un cantiere a cielo aperto e senza controllo. Un pò di vento ed una intensa nube avvolge tutti, un po’ d’acqua e il manto stradale diventa viscido e dunque pericoloso soprattutto per i mezzi a due ruote. Chissà se non sia necessario anche un controllo da quelle parti.

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->