«Non mangio fino a quando non vanno via». La protesta di Maria Perrilli, madre di Stefano Feniello morto a seguito del crollo di Rigopian

Scritto da , 9 agosto 2017

PINA FERRO

«Ho iniziato lo sciopero della fame per protestare contro chi governa la regione Abruzzo affinché venga ri- mosso dal suo incarico. Sono in- competenti ed inadatti a ricoprire questi ruoli». A scriverlo sulla pagina personale di Facebook è Maria Perilli, mamma di Stefano Feniello, deceduto il 18 gennaio scorso, a seguito del crollo dell’hotel Rigo- piano di Farindola in Abbruzzo. Furono ore di grande apprensione, speranze e dolore quelle vissute dai genitori di Stefano nello scoso mese di gennaio. Speranze che si dissolsero a seguito dell’individuazione ed estrazione dalle macerie del corpo senza vita del 28enne.La fidanzata di Stefano fu estratta viva qualche ora prima. Da allora Alessio Feniello e Maria Perillo, genitori del giovane, non si danno pace e chiedono giustizia per il figlio ma si battono anche affinchè non si consumino più tragedie dimili. Quel 18 gennaio a perdere la vita oltre a Stefano furono altre 28 persone.

Da lunedì scorso la mamma del gio- vane, che in quel maledetto albergo si trovava per trascorrere qualche giorno di relax con la fidanzata, ha cominciato a non assumere alimenti. Ha dato il via allo sciopero della fame chiedendo le dimissioni delle Istituzioni ritenute responsabili del disastro di Rigopiano.

“Hanno ucciso mio figlio e altre persone, io non mi fermerò fino a quando non avrò giustizia– così, Maria Perilli spiega il motivo dello sciopero – Ho iniziato con lo scio- pero della fame per protestare contro chi governa la Regione Abruzzo af- finché venga rimosso dal suo incarico. Chi è inadatto al ruolo che copre deve dimettersi, non possiamo

permettere che accadano queste cose”. Sull’accaduto, la Procura di Pescara ha aperto un fascicolo d’in- chiesta per omicidio plurimo col- poso e disastro colposo, iscrivendo nella lista degli indagati 6 persone, tra cui il sindaco di Farindola e il Presidente della Provincia di Pescara, mentre il papà di Stefano ha fondato l’associazione “Movimento Iustitia Nova” per combattere le ingiustizie.

Consiglia

Lascia un commento

Puoi eseguire il login con Facebook

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per completare inserire risultato e prosegui * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.