Nomine Soresa a rischio per la legge contro i trombati

Scritto da , 29 luglio 2015

di Andrea Pellegrino

C’è un comma nella legge “Campania zero” che potrebbe mettere in difficoltà le nomine di Vincenzo De Luca. In pratica i “trombati” alle elezioni non potranno ricevere incarichi regionali almeno per gli otto mesi successivi alla chiusura delle urne. A segnalare la norma è stato Peppe Russo, ex consigliere regionale del Partito democratico, nonché promotore del disegno di legge, poi convertito e firmato dall’allora governatore Stefano Caldoro. Così Vincenzo De Luca, se così fosse, dovrebbe rivedere le indicazioni fatte per la Soresa. Tra i nomi inseriti nella rosa sottoposta al capo di Gabinetto del presidente della giunta regionale c’è il nome di Gianni Porcelli che oltre ad essere ex sindaco di Mugnano è stato candidato (non eletto) della lista “Campania Libera”. Ma a far compagnia a Porcelli c’è un’altra non rieletta pronta ad entrare nel cda della Soresa: si tratta di Giulia Abbate, anche lei rimasta fuori dall’assemblea regionale. Dunque, si salverebbe – a questo punto – solo il terzo nome in campo, quello del tecnico Luigi Giuliano, un avvocato di Salerno ex Forza Italia. La legge regionale in questione è la numero 24 del 27 luglio 2012 che potrebbe far aprire un contenzioso amministrativo se le nomine indicate andassero in porto. Dunque oltre alla polemica politica già sollevata dalle opposizioni ci sarebbe anche il rischio di un giudizio innanzi al Tribunale amministrativo.Nomine Soresa a rischio
per la legge contro i trombati

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->