Nocerina, ko col Pisa ma a testa alta

Scritto da , 26 gennaio 2014

NOCERA INFERIORE. Sconfitta onorevole per la Nocerina di mister Fontana che, falcidiata dalle assenze e con la testa alla sentenza della disciplinare, gioca una gara dignitosa al cospetto del Pisa; due errori difensivi condannano i molossi, regalando tre punti importanti alla formazione di Cozza. Consueto 4-4-2 per i rossoneri; in difesa il tecnico Fontana schiera Cremaschi al centro, lasciando in panchina Kamana. A centrocampo c’è Vitale sulla corsia sinistra, in avanti Danti a sostegno di Evacuo. In casa Pisa il tecnico Cozza sceglie un prudente 3-5-2; fuori il trequartista, il fratello d’arte Giovinco, dentro un centrocampista in più, Sampietro. Confermata la coppia gol formata da Arma e Napoli. La sfida parte su ritmi alti; le due squadre si affrontano a viso aperto, con la Nocerina più propositiva in avvio ed il Pisa sempre pronto a ripartire sfruttando le amnesie difensive dell’improvvisata retroguardia molossa. La formazione rossonera appare più convinta nei primi minuti; la prima emozione è firmata da Evacuo che, liberato da un flipper al limite dei sedici metri, si divora una comoda palla gol. Il Pisa si vede per la prima volta intorno al quarto d’ora con una conclusione di Martella che sibila vicina al palo; passano due minuti ed i toscani passano: Arma crossa dalla destra, Kostadinovic e Cremaschi restano immobili e Favasulli ha il tempo di controllare e piazzare il pallone all’incrocio. La Nocerina reagisce e prova ad impensierire Provedel con una conclusione di Lepore che sfila di poco alta sulla traversa; ma al Pisa basta un’accelerazione per raddoppiare: cross dalla destra di Pellegrini, Arma stacca in completa solitudine ed insacca con un pregevole colpo di testa. La Nocerina non ha fortuna; nel finale di tempo Vitale, su azione d’angolo, può colpire da pochi passi ma centra in pieno il portiere che riesce a salvarsi in angolo. In avvio di ripresa prova a premere la formazione di casa; i molossi collezionano angoli in serie ma non vanno oltre una debole conclusione di Ficarrotta. La sfida viaggia su ritmi più lenti rispetto alla prima frazione; la Nocerina ci prova ma il Pisa si chiude ermeticamente, cercando di colpire in contropiede. La prima occasione, così, arriva attorno al ventesimo; Cremaschi scarabocchia in area ma Arma non sfrutta a dovere l’involontario assist, calciando addosso ad Esposito. Tra i molossi ci prova ancora Ficarrotta che al termine di un’azione personale sfiora di un soffio il secondo palo. Piove sul bagnato per la Nocerina che a venti dal termine perde Crialese per doppia ammonizione; saltano i nervi ai molossi ed il signor Tardino sventola il giallo anche in faccia a Danti e Cremaschi per proteste. Entrano Kamana e Malcore; Fontana passa alla difesa a tre. C’è poi tempo anche per il debutto di Di Prisco in prima squadra. Ma la sfida scivola via fino al triplice fischio con poche emozioni; il Pisa porta a casa un successo prezioso per la sua classifica, la Nocerina esce dal campo a testa alta dopo una settimana terribile.

Consiglia