Nocera Inferiore.Scacco matto ai pusher: condannati

Scritto da , 14 maggio 2016

NOCERA INFERIORE. Avevano trasformato il quartiere Montevescovado in un droga market a cielo aperto e ora arrivano nuove condanne. Dopo tre patteggiamenti 8accentati nel 2013) a tre anni di reclusione per il 34enne Salvatore Pirozzi, il 28enne Michele Tramontano e il 46enne Domenico Vicidomini. Il giudice monocratico del tribunale nocerino ha condannato altri quattro coinvolti nell’inchiesta “Scacco matto” e ha assolto uno degli imputati. Il 36enne Francesco Pirozzi è stato condannato a otto anni di reclusione, il 27enne Alfonso D’Alessio a quattro anni e il 28enne Gaetano De Cesare e il 45enne Benito Di Palma a tre anni. Assolta la 42enne Anna Venturino.
I protagonisti di questa operazione, secondo l’accusa, avevano creato, tra i viali che immettono ai prefabbricati pesanti, la loro roccaforte. La fiorente attività di spaccio di cocaina, eroina e hashish è stata stroncata dai carabinieri del reparto territoriale di Nocera Inferiore. L’operazione dei militari fu denominata “Scacco Matto” con gli uomini dell’Arma che, il 21 maggio del 2013, cinsero d’assedio il quartiere mentre dall’alto un elicottero sorvolava la zona per sgominare il giro di spaccio. L’inchiesta è ancora una volta del pm Roberto Lenza. Le indagini si protrassero per due mesi, dal febbraio ad aprile scorso, e consentirono di disarticolare il gruppo di spacciatori che rifornivano non solo giovani nocerini ma acquirenti provenienti anche da altri comuni del comprensorio. Cocaina, hashish ma anche eroina, sostanza che da tempo era scomparsa dal mercato locale e che i tossicodipendenti si procuravano quasi esclusivamente a Scampia. Al blitz del maggio di tre anni fa si giunse dopo meticolose indagini, scattate dopo alcuni blitz

messi a segno dai carabinieri nel quartiere della periferia ovest di Nocera Inferiore e che avevano portato al sequestro di armi e droga, ma anche all’arresto in flagranza di reato di alcuni spacciatori. In particolare, erano stati arrestati in seguito ai primi controlli Domenico Marco Fezza, Carmine Antonio

Desiderio, Domenico Pirozzi e Gaetano De Cesare, i primi due furono trovati in possesso di droga, gli ultimi due di armi da fuoco. Oltre agli appostamenti e alle intercettazioni telefoniche e ambientali i militari, per raccogliere prove e monitorare le attività del gruppo, hanno puntato una telecamera sul circolo “San Giuseppe”. Le immagini hanno documentato decine di episodi di spaccio che avvenivano alla luce del sole, dalle 15 alle 20, sotto gli occhi dei passanti e dei fedeli anche giovanissimi che frequentano la vicina parrocchia. Nel corso delle indagini sono stati sequestrati complessivamente 200 grammi di hashish, 40 grammi di eroina e 20 grammi di cocaina, nonché due pistole clandestine con relativo munizionamento e sono stati segnalati 21 assuntori. L’operazione “Scacco Matto” fu eseguita a poche settimane di distanza da altri due blitz antidroga messi a segno dai carabinieri a Nocera Inferiore: “La Zia” che aveva portato dietro le sbarre un gruppo di spacciatori attivo nel centro storico e “Crucifix” che aveva stroncato l’attività di spaccio a Piedimonte.

Consiglia