Nocera Inferiore. Area archeologica, accordo ed è restyling

Scritto da , 2 luglio 2015

NOCERA INFERIORE. Parte la riqualificazione dell’area archeologica sottostante piazza del Corso. Il 13 luglio al via i lavori realizzati da un’équipe di archeologi e studenti dell’Università di Salerno, sotto la guida della professoressa Rosa Fiorillo, docente di Archeologia Cristiana e Medievale del Dipartimento di Scienze del patrimonio culturale, e di concerto con la soprintendenza archeologica della Campania. Potrebbe essere la volta buona di una vi- cenda, quelli degli importanti reperti storici accanto alla chiesa di San Mat- teo, che si trascina dal 1991. Con quest’accordo, sarà avviata una pulizia con prospezione di superficie per riportare in luce le evidenze monumentali del centro città. Questa operazione si configura come un intervento di archeologia pubblica, visto che sarà possibile da parte dei cittadini visitare l’area mentre gli archeologi saranno a lavoro. Soddisfatto il sindaco Manlio Tor- quato per la collaborazione tra Comune ed università che rientra tra le attività previste dal protocollo di intesa firmato dai due Enti. A seguire l’iter amministrativo il consigliere delegato Gianfranco Trotta. «L’Amministrazione Torquato ha inteso riprendere una convenzione sottoscritta nel 2011 tra Università e Comune avendo come oggetto la valorizzazione e la promozione delle risorse archeologiche del territorio. Nell’occasione ci siamo affidati a dottorandi e studenti universitari, coordinati dalla professoressa Rosa Fiorillo che effettueranno interventi di pulizia dei reperti archeologici esistenti nell’ipogeo di piazza del Corso. Questa operazione costituisce un ulteriore segnale della volontà dell’Amministrazione comunale di ridare valore ai beni presenti sul nostro territorio al fine di renderli maggiormente fruibili alla cittadinanza».

(en.co.)

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->