Niente pace nel Pd: Lascaleia stuzzica Bruno

Scritto da , 27 febbraio 2015

 

di Carmine LANDI

BATTIPAGLIA. Non accenna a placarsi la bufera in casa dem: anche Luca Lascaleia, ex-segretario cittadino, al momento responsabile dei rapporti istituzionali all’interno della segreteria provinciale, ha voluto dire la sua sulle discordie sorte all’interno della sezione battipagliese.

«Il dibattito interno al Pd cittadino – ha dichiarato Lascaleia – è la fotografia di un partito vero, con donne e uomini in carne ed ossa che vivono l’impegno politico con grande passione. Eppure, tutto ciò sarà ancor più vero e utile se al confronto interno si accompagnerà il senso di responsabilità che è tanto più grande quanto più grande è il ruolo di rappresentanza».

Una stoccata al timoniere attuale, Davide Bruno? Non si sa, ma qualche sospetto c’è, come può venir fuori da un semplice inciso: «quando ho ricoperto – continua l’ex numero uno nella battipagliese casa dem – il ruolo di segretario cittadino, eletto all’unanimità dal congresso nel 2010, ho lavorato a far vivere concretamente una fase di rinnovamento al Pd attraverso iniziative e proposte in città, in una fase che ha prodotti risultati positivi e limiti politici e amministrativi». Quel secco “eletto all’unanimità”, infatti, ha l’aria di essere una frecciatina a Bruno, che ieri, ai nostri taccuini, s’è definito «l’unico segretario che, diversamente dai predecessori, è stato eletto e non nominato».

È più che plausibile, inoltre, che anche qualche altra parola di Lascaleia sia riferibile al segretario attuale: «quando ero alla guida dei democrat cittadini – ha spiegato il membro della segreteria provinciale – non ho mai puntato alla ricerca esclusiva del titolo di giornale e ho sempre assunto in prima persona la responsabilità delle cose positive e negative della mia esperienza». Pare, infatti, che la minoranza del Pd, timonata da Angelo Reggente – che, in occasione dell’ultimo congresso sezionale, aveva goduto del supporto di Lascaleia – abbia lanciato strali a Bruno proprio relativamente all’approccio alla carta stampata.

«Oggi – ha concluso il dem – continuo il mio impegno politico nella segreteria provinciale, senza mai venire meno alla responsabilità e all’attenzione verso la mia  città, sapendo che tutti abbiamo il dovere di lavorare  per costruire un percorso condiviso di proposte ed  essere così davvero utili e rappresentare un futuro possibile per Battipaglia».

Consiglia