Nella Salerno chic il dilagante fenomeno dei negozi etnici gestiti da cittadini stranieri

Scritto da , 28 Dicembre 2018
image_pdfimage_print

di Erika Noschese

La città di Salerno patria dei negozi etnici. Nell’era della crisi economica che spinge sempre più commercianti ad abbassare definitivamente le saracinesche dei loro esercizi commerciali a causa del fitto alto e degli introiti sempre minori c’è chi riesce, magari a fatica, a guadagnare e a potersi permettere un negozio nella cosiddetta Salerno perbene. Sono quelli che un tempo veniamo definiti commercianti abusivi che esponevano la loro merce sul lungomare cittadino, con tutti i rischi e pericoli del caso. Ad oggi, la situazione sembra differente e quegli stessi ambulanti sono titolari di negozi nelle zone più prestigiose della città, come può essere via dei Mercanti o nei pressi della stazione ferroviaria. Passeggiando per il centro storico infatti è possibile notare la presenza di almeno tre negozi gestiti, per la maggior parte da filippini, indiani e bengalesi che vendono oggetti etnici e chincaglieria varia. Ma non solo. Tra via Masuccio salernitano e via Antonio Mazza è presente anche una lavanderia gestita da cittadini extracomunitari e un mini market di prodotti tipici. Esercizi commerciali che, nonostante tutto, riescono ad andare avanti e ad attirare la clientela per quanto le vetrine siano totalmente prive di abbellimenti. Del resto, sono stati gli unici negozi aperti il giorno di Natale, affollati di curiosi. C’è chi parla di un fenomeno destinato ad avere vita breve e chi, invece, crede possa trattarsi di un nuovo “indirizzo” per gli esercizi commerciali presenti in città. Di certo c’è che ad oggi la merce etnica riesce ad attirare un numero sempre maggiore di clienti. Un esempio su tutti può essere anche la presenza di negozi gestiti da cinesi, presenti in ogni dove da ormai diversi anni e che vendono la stessa merce dei classici negozi, a prezzi nettamente inferiori. Seguendo questa linea, il commercio nostrano sembra avere vita breve e il Made in Italy potrebbe presto diventare un lontano ricordo se non si verifica un cambio di rotta. Il futuro dei negozi commerciali, al momento, sembra essere nelle mani di cittadini extracomunitari che giungono in Italia alla ricerca di un futuro migliore. Sarà davvero così? Al momento. è ancora presto per deciderlo ma tra i commercianti insorge la paura di vedersi soffiare il posto di lavoro con il dilagante fenomeno dei negozi etnici che attirano una clientela sempre maggiore.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->