Napoli s’affida alle quote rosa per San Matteo: ecco perchè c’era Eva

Scritto da , 23 settembre 2015

di Andrea Pellegrino

Napoli s’affida alle quote rosa per i festeggiamenti di San Matteo. Il sindaco ff respinge così ogni polemica relativa alla sua assenza alla processione di lunedì pomeriggio e trova la sua giustificazione. «La mattina siamo stati io ed il governatore Vincenzo De Luca al Pontificale al Duomo, nel pomeriggio ho preferito affidare la rappresentanza del Comune di Salerno ad Eva Avossa, la donna del nostro esecutivo». «Tutto qui – prosegue Napoli – nessuna polemica o mia “sottrazione” da qualche cosa. Non mi appartiene e non mi è mio costume. Non mi sono mai tirato indietro. Anzi». Fin da lunedì pomeriggio l’assenza del sindaco Napoli aveva suscitato curiosità ed anche qualche polemica. In molti avevano ipotizzato che il forfait di Napoli fosse legato al mancato spettacolo pirotecnico ed al timore, dunque, di contestazioni. «Poteva accadere anche di mattina al Duomo – dice Napoli – ed invece sono stato presente e non c’è stata nessuna contestazione». Quanto ai fuochi, Napoli chiarisce: «Abbiamo evitato tutti gli aspetti folcloristici nel segno di nuove disposizioni da parte della Curia. Fino a qualche anno fa la processione di San Matteo si svolgeva in altro modo, ora le cose sono cambiate. Da parte nostra, dunque, proprio nel rispetto di quanto stabilito dalla Curia, abbiamo evitato il folclore e ci siamo limitati ad assicurare i servizi necessari per lo svolgimento della processione».

Consiglia