Napoli, carica Koulibaly: «Voglio vincere qualcosa d’importante con questa maglia»

Scritto da , 21 novembre 2018
image_pdfimage_print

di Michele Lodato

Kalidou Koulibaly figura tra i 5 finalisti del Pallone d’Oro Africano 2018, evento patrocinato dall’emittente televisiva britannica Bbc. Il difensore del Napoli ha rilasciato una breve intervista alla tv d’Oltremanica. “La cosa più importante è riuscire a migliorare. Io ci provo sempre, dal momento che ambisco a diventare il difensore più forte al mondo. Il gol che segnai nello scorso mese di aprile in casa della Juventus fu bellissimo non solo perché ci permise di vincere e di rimetterci in corsa per lo scudetto, ma anche e sopratutto perché regalò una grande gioia ai tifosi. Voglio vincere qualcosa di importante con questa maglia e centrare un grosso traguardo anche per la città di Napoli, perché la gente lì mi dà sempre amore e fiducia”.Koulibaly alimenta i sogni dei tifosi azzurri ed anche i propri. “Voglio vincere lo scudetto, la Juve nel finale della scorsa stagione ebbe paura di noi e mi piace questa sensazione”. Koulibaly parla anche di quelle che sono le sue radici. “Sono nato in Francia, ma ho due culture: quella transalpina e quella del Senegal, che è invece il mio paese d’origine. Vidì la Francia vincere i Mondiali del 1998, c’era gente come Zidane e Thuram, il mio idolo. Il Senegal ha grandi potenzialità, vorrei davvero tanto contribuire a scrivere la storia calcistica del paese”.Mancano 5 giorni al ritorno in campionato del Napoli. L’impazienza, tra i tifosi azzurri, regna sovrana. Ancora qualche giorno e poi si riparte col divertimento. Carlo Ancelotti troverà di fronte a sé una formazione in piena crisi, certo, ma con una gran voglia di tornare a vincere per fare punti. Il Chievo Verona, mai come quest’anno, rischia seriamente di retrocedere in modo poco dignitoso. Il cambio panchina con Di Carlo al posto di Ventura, la cui guida del club è durata davvero pochissimo, potrebbe essere un’ulteriore arma da sfruttare per cogliere di sorpresa i partenopei. Non ci sarà tempo, però, per provare ad indovinare la strategia avversaria: gli azzurri devono ottenere una vittoria costi quel che costi.Il tecnico di Reggiolo avrà dunque pochi giorni per capire lo stato di forma dei reduci dalle Nazionali e per scegliere l’undici da mandare in campo contro il Chievo Verona al San Paolo. Scelte che potrebbero essere quasi obbligate, considerato anche l’impegno successivo con la Stella Rossa a pochi giorni di distanza. Ecco allora che ‘Carletto’ potrebbe decidere di adottare un turnover piuttosto leggero, in modo da studiare movimenti e tattiche da poter sfruttare anche con i serbi in Champions, un po’ come accadde con UdineseNapoli il mese scorso. Pochi cambi, ma funzionali. E dunque in porta potrebbe toccare a Karnezis, mentre in difesa a Maclcuit. A centrocampo scalpitano Rog e Diawara, mentre in avanti potrebbero trovare spazio Mertens e Milik.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->