Napoli alla guida, D’Alessio prepara il Consiglio comunale

Scritto da , 5 febbraio 2015

di Andrea Pellegrino 

Alle 14,00 di ieri il provvedimento della Prefettura di Salerno è stato notificato al presidente del Consiglio comunale Antonio D’Alessio. Il viceprefetto vicario Giovanni Cirillo ha acquisito la sentenza della Corte d’Appello con la quale si sancisce la decadenza di Vincenzo De Luca dalla carica di sindaco, avviando così la procedura prevista sia a livello comunale che ministeriale. La presidenza del Consiglio comunale provvederà nelle prossime ore a notificare l’atto a tutti i consiglieri comunali per poi procedere alla convocazione di una assise per la presa d’atto del procedimento di decadenza del primo cittadino e la conseguente attribuzione delle funzioni di sindaco ad Enzo Napoli. Nei prossimi giorni, dunque, si potrebbe riunire la conferenza dei capigruppo per definire la data della seduta del Consiglio comunale che potrebbe affrontare anche altri punti all’ordine del giorno. Intanto i legali di Vincenzo De Luca preparano le contromosse. Angelo Caramanno, consigliere comunale di maggioranza ed avvocato annuncia: «Contestualmente alla presentazione del ricorso in Cassazione contro la sentenza di decadenza, verrà chiesto al presidente della sezione civile della Corte d’Appello del Tribunale di Salerno la sospensione dell’esecutività della sentenza». E non è tardata ad arrivare la dichiarazione di Matteo Casale (presidente della Corte d’Appello di Salerno) che spiega: «Lo stesso collegio che ha emesso la sentenza, valuterà se ci sono gli elementi per concedere la sospensione. La sentenza di secondo grado è esecutiva per legge e per sospendere l’esecutività occorre che la parte soccombente debba presentare un ricorso in Cassazione e chiedere al giudice che ha emesso la sentenza la sospensione della esecuzione». Casale, infatti, precisa: «E’ la norma 373 del codice di procedura civile a stabilire che se il collegio riterrà che sussistano le condizioni per sospendere, sospenderà, se invece riterrà che queste condizioni non sussistono rigetterà la richiesta». Per il legale del sindaco decaduto il ricorso verrà presentato nei prossimi giorni. Infine, dalla Prefettura di Salerno partirà comunicazione al Ministero dell’Interno che dovrà avviare la procedura e definire anche la data delle prossime elezioni comunali a Salerno.

Consiglia