Mounard e Foggia valgono più di Somma e della Salernitana

Scritto da , 17 agosto 2014
image_pdfimage_print

Dunque Mounard e Foggia valgono più di un progetto legato ad un signor allenatore come Mario Somma.  Lo spogliatoio diviso e capriccioso dello scorso anno,   complice  una parte della stampa e dei tifosi, era stato il motivo dell’andata via di Perrone alla vigilia del ritiro. La società scelse i giocatori e non il tecnico di due promozioni che voleva fare piazza pulita. E sappiamo tutti come è andata a finire, nonostante il tentativo di Fabiani di raddrizzare la squadra in corsa. Pure Gregucci, uno che non le manda a dire, è affondato per l’aritmia di un gruppo ma soprattutto di qualche giocatore che trovava la spalla della società per piangere e farsi consolare un giorno sì e un altro pure. Somma non voleva – e questa volta Lotito era d’accordo- ex giocatori in campo. Conosce bene la piazza di Salerno, di cui è convinto estimatore, per sbagliare sapendo di sbagliare. Dovendo limitarsi alla salvezza, la squadra allestita, in un girone che Lotito non voleva intuendone le difficoltà e gli investimenti da fare, poteva andare bene. Ma Somma non avrebbe mai accettato un traguardo minimo, voleva giocarsela per ritornare in serie B con la sua Salernitana, squadra che ha sempre sognato di allenare. E il sogno si era avverato con la benedizione della piazza. Ma il sogno si è trasformato in incubo perché la schizofrenia presidenziale è difficile da gestire, salvo non trasformarsi in un signorsì, ma il buon Mario non è un caporale di giornata. E’ un uomo. Ha fatto quello che avrebbe voluto fare  Perrone un anno fa (salvo sbagliare nel ritornare alle stesse condizioni), ha pensato a creare un gruppo (ne sa qualcosa Paletta) fino a giugno inesistente. Partendo da quel rapporto di fiducia che si cementa in ritiro, curando i minimi particolari, facendo sentire i giocatori parte integrante del progetto Salernitana. Usando anche vecchi metodi e vi invito a leggere sul sito di Repubblica uno splendido articolo su Scopigno (tra l’altro ex calciatore della Salernitana).Al di là dei nomi e del curriculum. La mossa di Lotito, tra i dinieghi di Fabiani e l’opacità di Mezzaroma, rischia di far saltare il banco alla vigilia del campionato spezzatino. E’ vero che bisogna guardare avanti ma onestamente è complicato in queste condizioni vedere un po’ di luce fuori dal tunnel. Ora sulla panchina granata rischia di essere catapultato un altro allenatore legato alla Lazio,  con una squadra sotto choc e spaccata, ma soprattutto troverà un ambiente terremotato. Un grazie a Somma e un in bocca al lupo per la sua carriera. Avrà l’occasione per vincere nella sua Salerno. A noi resta l’inferno della serie C. Tommaso D’Angelo

Consiglia

1 Commento

  1. Vecchiaguardia_sa

    17 agosto 2014 at 22:06

    Tommaso non lo scopro certo oggi….ne abbiamo passate di nottate a scrivere e ….sperare. Certamente non è solo lui ma Foggia e’tanto tempo che dico che un fardello economico e tecnico per questa società e che è un bene che se ne vada, E un guaio sia si gioca sia in panchina sia in tribuna. Ingaggiando somma Lotito aveva dato una garanzia a Salerno oggi Salerno e’chiamata ad una scelta molto molto importante o la società o la dignità non ci sono alternative oggi come oggi io preferisco una lega Pro a vita piuttosto che essere schiavo di questo personaggio. Evito appositamente di citarne Mezzaroma perché in pratica da tre anni a questa parte è stato sempre e solo una comparsa senza poteri e senza neanche quel poco di dignità che una persona dovrebbe avere. Salerno se vuole ha la forza di far ritornare indietro Lotito della sua decisione: O VIENE RICHIAMATO MARIO SOMMA O LO STADIO DOVRÀ ESSERE SEMPRE VUOTO!

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->