Morra: «No all’utilizzo delle associazioni come passerelle politiche per visibilità»

Scritto da , 18 marzo 2017

Francesco Morra, assessore Comune di Pellezzano, Consigliere Regionale Anci Giovani Campania Assemblea Nazionale di Anci Giovani a Salerno, quali prospettive? «Si, ieri ha avuto inizio l’Assemblea Nazionale di Anci Giovani a Salerno, una grande opportuna per Salerno poter essere al centro del dibattito politico nazionale, ospitando un evento così importante, che vede la partecipazione di circa 800 giovani amministratori provenienti da tutta Italia. Da componente del Coordinamento Regionale di Anci Giovani posso dirmi orgoglioso e complimentarmi con quanti hanno reso possibile lo svolgimento di un evento così importante nella città di Salerno». Qual è il ruolo della rappresentanza associativa nel mondo politico? «Sicuramente entrare a far parte di una grande Associazione Nazionale come è Anci ci sono tante opportune soprattutto di crescita e di confronto. Le associazioni servono a creare sinergie e collaborazione ma soprattutto a confrontarsi tra le diverse realtà che si amministrano. Non si deve commettere l’errore di utilizzare le associazioni come se fossero partiti politici, le associazioni sono a garanzia di tutti e tutto a prescindere dalle ideologie politiche. Inoltre, non si deve incorrere nel rischio che le associazioni si trasformano in passerelle politiche per sterile visibilità che poi e fine a se stessa. Il tema di quest’anno generatori di futuro storie, idee e competenze per l’Italia. La nuova classe dirigente, non può restare a guardare ma deve mettere in campo le idee e le competenze migliori per contribuire a scrivere l’agenda politica del Paese. I giovani non devono pensare a coltivare solo ed esclusivamente il proprio orticello come avvenuto per il passato ma cercare di fare rete e costruire sinergie al di là delle ideologie politiche per migliorare l’azione politico – amministrativa su i territori che si amministrano».

Consiglia