Migliorini: andata da protagonista, poi la flessione dopo il giro di boa

Scritto da , 19 Marzo 2020
image_pdfimage_print

di Marco De Martino

Marco Migliorini (foto ussalernitana1919.it) è uno dei pochi superstiti della stagione 2018/19, quella conclusasi con la salvezza alla lotteria dei rigori al Penzo di Venezia contro i lagunari. In bilico per tutta l’estate, anche perché nel precampionato Gian Piero Ventura sembrava preferirgli Billong, l’ex di Torino e Juve Stabia è diventato titolare nella prima giornata di campionato contro il Pescara, complice l’infortunio del centrale francese. Migliorini è rimasto titolare in pratica per tutto il girone d’andata, realizzando un gol molto importante nella vittoriosa trasferta di Livorno, e saltando solo una partita, quella contro l’Ascoli all’Arechi a causa della squalifica rimediata dopo il derby di Castellammare dove è incappato in una espulsione per doppia ammonizione. 21 presenze totali finora, per 1884 minuti trascorsi in campo. Dopo la fuoriuscita dall’undici base di Di Tacchio, Migliorini ha indossato anche la fascia di capitano in cinque occasioni, salvo poi cederla ad Akpa Akpro nelle ultime tre partite su quattro, ovvero quando Ventura l’ha avvicendato con Billong. Dopo aver tirato la carretta per un girone intero, il difensore ha goduto di un periodo di riposo concessogli da Ventura, il quale ha pensato di non sovraccaricarlo atleticamente visto che spesso, vista l’emergenza, è stato costretto ad impiegarlo nonostante qualche fastidio fisico. Ora, con la sosta forzata a causa dell’emergenza Covid 19, Marco Migliorini avrà tutto il tempo di ricaricare le batterie per farsi trovare pronto alla ripresa.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->