Metropolitana di Salerno, Cammarano: «Totale abbandono delle stazioni» La denuncia del Meet Up Amici di Beppe Grillo Salerno

Scritto da , 19 Dicembre 2018
image_pdfimage_print

di Antonio Iovino

Denunciare le pessime condizioni e le gravi inefficienze di gran parte delle stazioni della metropolitana di Salerno: questo l’obiettivo del MeetUp Amici di Beppe Grillo di Salerno presso la stazione di Torrione. «Nonostante le luci natalizie illuminino la città purtroppo dobbiamo ancora notare il degrado in cui versano le stazioni cittadine della linea ferroviaria metropolitana», ha dichiarato l’attivista Francesco Virtuoso, secondo cui «i consiglieri di maggioranza, ovviamente, sotto dettatura del governatore, continuano a non fare niente e il rammarico è che anche l’opposizione dorme. Noi abbiamo fatto una richiesta ai Vigili del Fuoco, al Prefetto e al Direttore dell’Asl, di intervenire in questa situazione di degrado dato che non è assolutamente possibile che, i pendolari che ogni mattina entrano all’interno della metropolitana, siano costretti a non poter utilizzare i bagni, a non poter acquistare
biglietti e di conseguenza a vivere una situazione di degrado – ha poi aggiunto l’attivista – Auspichiamo un intervento di controllo e di verifica anche perché il Comune continua a spendere 36.000 euro al mese senza avere personale disponibile all’interno delle stazioni e avendo solamente una stazione di controllo all’Arechi.
Ciò rappresenta un pericolo anche in caso di emergenza dato che, qualora dovesse succedere qualcosa, credo che, se non si intervenisse immediatamente, potrebbe accadere una tragedia». Le stazioni di Mercatello, Parco Arbostella, Pastena e Torrione, quindi, così come dichiarato anche dall’attivista Michele Di Martino, «versano in una situazione sgradevole e non rispettano le norme igienico sanitarie. Infatti – prosegue Di Martino – i bagni sono chiusi, ci sono infiltrazioni di acqua e vi è muffa”. È oggettivo, quindi, che sarebbe necessario al più presto ricominciare ad offrire servizi maggiormente efficienti e non mettere ancor più in difficolta, ad esempio, tutti coloro i quali sono affetti da disabilità e che, così come
sottolineato dal portavoce del Movimento 5 Stelle in Consiglio Regionale, Michele Cammarano, con un treno che passa ogni mezz’ora e con i bagni chiusi, potrebbero vivere situazioni gravi e disagianti che, in una città civile, non dovrebbero accadere”. Secondo Cammarano ci sarebbero infiltrazioni d’acqua: «non abbiamo un presidio, non abbiamo posti dove poter comprare biglietti all’interno della stazione né qualcuno a cui chiedere delle informazioni, i tabelloni non funzionano e nemmeno gli orologi. C’è un totale abbandono di questa stazione (quella di Torrione) e delle altre della metropolitana leggera di Salerno. Questa è una situazione a cui, Salerno Mobilità, deve assolutamente porre rimedio».

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->