Mercato rionale, spuntisti sul piede di guerra: “Non vogliamo chiedere cortesie a nessuna associazione”

Scritto da , 23 Gennaio 2020
image_pdfimage_print

di Erika Noschese

Una nuova polemica si abbatte sull’amministrazione comunale che, ancora una volta, si ritrova a fronteggiare l’ira di alcuni operatori mercatali. Si tratta, in questo caso, degli spuntisti, ovvero gli operatori non in possesso di posto fisso presso il mercato rionale e, dunque, ottengono un’assegnazione provvisoria. Il mercato di via Robustelli, a Torrione, ieri mattina, di fatti, sembra quasi deserto nonostante le richieste avanzate proprio dagli spuntisti che chiedevano la possibilità di occupare temporaneamente uno stallo. Alla base della polemica, infatti, ci sarebbe proprio la gestione della spunta, ad oggi in capo all’associazione dei mercatali. Da qui la richiesta del capogruppo di Davvero Verdi, Giuseppe Ventura, che chiede all’amministrazione comunale di occuparsi personalmente della gestione dell’attività degli spuntisti. Il consigliere di maggioranza, dunque, chiede che la categoria in questione venga procrastinata “sine die” per garantire sicurezza e serenità agli esercenti. Intanto, proprio gli operatori mercatali hanno scritto al sindaco Napoli, all’assessore al Commercio Dario Loffredo e alla dirigente Elvira Cantarella per chiedere di rimanere aperta la spunta per poter effettuare la loro attività agli operatori in possesso di regolare licenza «senza chiedere “cortesie” a qualunque amministrazione», come si legge nella richiesta inoltrata ai vertici di Palazzo di Città. Numerosi, infatti, sono gli operatori che in questi mesi hanno pagato la spunta al Comune di Salerno e che si sono poi ritrovati in difficoltà proprio a causa di quest’alternanza di sospensione e ripristino di spunta. Di fatti, fino ad oggi, la spunta si apriva solo su richiesta delle varie associazioni mentre il Comune potrebbe gestirla autonomamente per tutto l’anno, con il pagamento quotidiano da parte dei venditori. Intanto, il consigliere Ventura rilancia la proposta di modificare i posti auto in piazza Amendola destinati alle forze dell’ordine, per renderli accessibili a tutti, dopo la chiusura del Comune. «Dopo le 20, le strisce gialle devono essere blu – ha spiegato Ventura – Così riusciamo a debellare anche il fenomeno dei parcheggiatori abusivi e le conseguenti problematiche che quotidianamente si verificano con gli ausiliari del traffico sotto la competenza di Salerno Mobilità».

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->