Mercatino di Natale: l’Asl riapre le bancarelle

Scritto da , 7 dicembre 2013

Buongiorno Italia nuovamente sotto controllo nel pomeriggio di ieri. L’Asl è tornata sul Lungomare di Salerno per effettuare gli accertamenti sugli stand piemontesi. Le diverse segnalazioni, presumibilmente partite da parte dei commercianti che hanno visto nei mercatini un concorrente troppo forte, hanno costretto alcuni degli standistichiudere le proprie postazioni per alcune ore in attesa che la situazione rientrasse e potessero riprendere a lavorare. Gli stand dei prodotti alimentari sono rimasti chiusi nel pomeriggio di ieri dopo le prime ispezioni da parte dell’Asl; solo in seguito alla compiuta verifica dell’Asl i gazebo hanno riaperto al pubblico, con il beneplacito dei camici bianchi. Uno ad uno gli stand hanno rialzato i teloni superando i controlli ad opera del dottor De Sio. Uno scenario diverso rispetto a quello di ieri sera, quando l’arrivo dei tecnici ha scatenato il panico tra i membri di Buongiono Italia. I pochi stand che sono rimasti chiusi nella giornata di ieri sono stati in seguito riaperti mettendo a posto le minime mancanze che sono state riscontrate nel corso dei controlli, mancanze alle quali gli standisti stavano già provvedendo per ritornare operativi quanto prima. Con il dottor De Sio c’era anche l’assessore Picarone costretto a lasciare il lungomare a causa di alcuni insulti ricevuti da parte dei passanti. Questi, contrari alla chiusura momentanea degli stand, hanno dichiarato di non sentirsi rappresentati dall’amministrazione. Una serata di controlli conclusasi in modo positivo quindi per l’attività degli standisti che proseguirà durante le feste natalizie e che ad oggi non escludono un’eventuale ritorno per l’anno prossimo ed eventuale collaborazione con alcuni mercati salernitani. Se in un primo momento la situazione sembrava essere compromessa, niente ha fermato la fiumana di utenti che passeggiando sul Lungomare ha comunicato il dispiacere per non aver trovato gli alimentari aperti e manifestandosi solidali con Buongiorno Italia per i “forzati” controlli che sono stati indetti. Un’affluenza della quale nella giornata di ieri gli operatori non hanno potuto beneficiare a causa dei controlli durati l’intero pomeriggio bloccando le attività e sottraendo così le entrate in cassa. L’Asl ha confermato che i mercatini piemontesi sono in regola e che potranno proseguire l’attività con i dovuti accorgimenti che richiedono il genere alimentare, mantenendo le norme igieniche e ponendo dei vetri separatori tra gli utenti e il bancone. Francesca D’Elia

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->