Mendicino, che spavento: ricoverato in ospedale

Scritto da , 2 maggio 2014

di Fabio Setta SALERNO. Gregucci è stato chiaro dopo il pari con il Perugia: “Non faremo calcoli, prenderemo il destino che meriteremo”. Ma dichiarazioni a parte il tecnico granata, un minimo di conti li sta facendo. Soprattutto per quanto concerne la formazione che scenderà in campo domani al Torre. E così tra infortuni, diffide e un pizzico di turnover la Salernitana che scenderà in campo sarà completamente rivoluzionata. L’ultimo ad ammainare bandiera bianca è stato l’attaccante Mendicino. L’ex Crotone è finito infatti in ospedale a causa di una gastroenterite. Tanto spavento ma le condizioni dell’attaccante, monitorato costantemente dallo staff medico, sono in miglioramento ed è già tornato. Neppure Tuia è al top oltre che diffidato così come Gori. E allora meglio evitare problemi in tal senso in vista dei play off. Problemi anche per Mounard e Fofana, alle prese con l’influenza oltre che per Capua, la cui stagione potrebbe già essere conclusa. Si è rivisto in gruppo Pasquale Foggia ma naturalmente Gregucci non ha nessuna intenzione di rischiarlo contro la Paganese, in un match che non ha certo tanti significati ai fini della classifica. Questa mattina è in programma la seduta di rifinitura al Volpe, a porte chiuse. A tal proposito alcuni tifosi hanno chiesto alla società allenamenti a porte aperte nella settimana che porta ai play off per caricare maggiormente Ginestra e compagni. Si vedrà la settimana prossima il responso del club. Prima c’è da sbrigare la pratica Paganese. Con una squadra completamente rivoluzionata. Tra i pali al posto del diffidato Gori sarà rispolverato Iannarilli che ha vinto il ballottaggio con Berardi. In difesa a destra si rivedrà Luciani, mentre a sinistra ci sarà Pasqualini. al centro sicuro di una maglia Bianchi che dovrebbe giocare in coppia con Sembroni. A meno che Gregucci non voglia rischiare il centrale della Berretti, Rodio. A centrocampo Pestrin e Montervino giocheranno un tempo a testa al fianco del recuperato Esposito. Per l’ex Verona il test di Pagani può davvero essere l’occasione per testare il proprio stato di forma. In attacco giocherà dal primo minuto Ginestra. Alle sue spalle spazio a Ricci, Gustavo e Ampuero. Se non dovesse giocare il cobra, spazio a Mancini, con Gustavo che agirebbe da prima punta.

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->