Mariconda, lavori infiniti. I commercianti protestano

Scritto da , 20 Agosto 2015
image_pdfimage_print

Difficoltà e disagi per i commercianti di via Picenza  nel quartiere Mariconda di Salerno  che si trovano letteralmente “imprigionati” dallo scorso martedì  11 agosto da una barriera di transenne per i lavori in corso al nuovo percorso del torrente Mariconda. Lo sbarramento ha chiuso l’accesso  stradale dal quartiere Arbostella a quello di Mariconda alle automobili, l’unica via di ingresso è pedonale, ossia  il vecchio percorso del fiumiciattolo  da cui si accede dalla scaletta alle spalle della pensilina della fermata dell’autobus  ubicata su via Parmenide all’imbocco del quartiere Arbostella. “Che senso ha.. chiudere tutto giorno 11 agosto, vicino alla ricorrenza di ferragosto, se poi comunque i lavori sono stati fermi fino al giorno 17? Ci hanno creato solo un danno “-afferma Carminuccio il titolare storico dell’omonima pizzeria-” Inoltre i lavori vanno molto a rilento..solo per  qualche oretta, ma poi per  il resto della giornata nessuno ci lavora . Molti clienti non riuscivano nemmeno a capire come raggiungere la pizzeria, hanno chiuso tutte le vie d’accesso”.”Non si può sbarrare tutto senza effettuare una buona segnaletica”-afferma il titolare della macelleria D’Arienzo ubicata in via Picenza-“-“Per chi viene da Pontecagnano”-continua il titolare-” L’unica indicazione come strada alternativa,  è quella che indica  di girare per Parco San Matteo, ed invece per chi viene dal quartiere mercatello vi è un unico  cartello posto davanti  all’ufficio postale che annuncia la strada interrotta” ad un certo punto” ed indica di girare per via Marchiafava , ma per il resto del vialone non compare nessun altro cartello segnaletico “. Affluenza di persone diminuito: ” Certo che abbiamo ricevuto anche un danno in tal senso”-afferma il signor Carmine D’Arienzo -” Molti clienti stagionali che venivano da fuori, si ritrovano penalizzati in quanto a praticità, poichè dovrebbero  parcheggiare la propria automobile e venire fin qui in macelleria a piedi, è una situazione che ci penalizza, per fortuna  che abbiamo ancora  la nostra abituale clientela affezionatissima” . La preoccupazione degli esercizi commerciali posti su via Picenza cresce in quanto, già con l’arrivo dei primi acquazzoni invernali, anche l’antico letto del fiumiciattolo, unica via di collegamento al momento con Parco Arbostella diventerà invalicabile in quanto si potrebbe allagare e  allora davvero la città sarà “divisa in due”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->