Malori e malumori, il maxi concorso già fa discutere tutti

Scritto da , 3 Settembre 2019
image_pdfimage_print

di Erika Noschese

Ben 4 ore di ritardo, un guasto alla fotocopiatrice, malori e malumori. Ieri mattina, alla mostra d’oltremare di Napoli, il maxi concorso indetto dalla Regione Campania non sembra essere partito proprio con il verso giusto. Di fatti, alla prima giornata di prove preselettive del Concorso Ripam per la Regione Campania che porterà all’assunzione di 2.175 persone, a tempo indeterminato, negli enti locali, non sono mancati i disagi per i partecipanti, tanto da rendere necessario l’intervento delle forze dell’ordine. Le prove sono state consegnate poco prima di mezzogiorno ma la prova preselettiva – che doveva iniziare alle 10 – ha preso il via con quasi due ore di ritardo. Le migliaia di candidati chiamati a sostenere il test ieri, hanno atteso in fila all’esterno dei padiglioni della Mostra d’Oltremare di Fuorigrotta, per diverse ore, prima di poter prendere posto e sistemarsi. Tanti i candidati che, dopo diverso tempo, vinti dalla stanchezza e dallo sconforto, sono andati via, abbandonando il concorso. La situazione è diventata molto tesa fin da subito, con la polizia che è dovuta intervenire all’interno dei padiglioni per riportare la calma. Nell’attesa non sono mancati i malori, dovuti anche al caldo in quanto nei padiglioni era totalmente assente l’aria condizionata. A scusarsi con i candidati per l’attesa dovuta al malfunzionamento della fotocopiatrice Sergio Talamo, portavoce del Formez: «Si è verificato un problema inatteso con le fotocopiatrici che non hanno funzionato. Qualcosa che non si era mai verificato in tanti anni che il Formez fa concorsi. La Regione e il Formez si scusano con i candidati per l’attesa», ha infatti dichiarato. E non è andata meglio per i candidati che hanno sostenuto la prova nel pomeriggio che hanno dovuto attendere ben tre ore prima di iniziare la prova. E proprio da parte dei partecipanti al concorso non sono mancate le polemiche e i “consigli” ai colleghi di rinunciare. Qualcosa di positivo però c’è: le domande era nettamente più semplici rispetto alle prove presenti sul sito di Concorsando.it. I candidati iscritti sono in tutto 303.965, di cui i primi diecimila circa si sono presentati ieri ma nel frattempo c’è già chi grida all’annullamento e chi, invece, si dice pronto a presentare ricorso contro la Formez, l’ente che gestisce e organizza il bando indetto dalla Regione Campania per oltre 2mila assunzioni negli enti pubblici. Questa mattina, intanto, toccherà al secondo blocco di candidati sostenere la prova preselettiva che dovrebbe concludersi prossimamente il prossimo 18 settembre, prima di dare il via ufficiale alla seconda fase. Da parte del governatore De Luca, almeno per ora, nessun commento in merito a quanto accaduto ieri mattina, tra disagi e malesseri generali.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->