Maggioranza in fibrillazione a Palazzo di Città: Dito puntato contro Esposito e la disposizione sui gettoni

Scritto da , 18 marzo 2017

 

di Andrea Pellegrino

Acque agitate a Palazzo di Città, con la maggioranza sempre più in fibrillazione. Sul tavolo numerosi temi, a partire dalla prossima approvazione del bilancio (che ha avuto già in via libera in giunta), fino alle nomine che dovranno completare i cda di partecipate e municipalizzate. Ieri mattina una delegazione di consiglieri comunali (di maggioranza) ha incontrato il capostaff Enzo Luciano ed il dirigente Tommaso Esposito. La questione posta riguarda la quantificazione del gettone di presenza dei consiglieri comunali, con la conseguente polemica sul raddoppio delle sedute di commissione. Non sono mancate polemiche nei confronti del dirigente Esposito che, a fine agosto, tagliò i compensi ai consiglieri comunali. Da allora sono state due le richieste di chiarimenti ai Ministeri competenti. L’ultimo parere dovrebbe essere già sulla scrivania del segretario generale ma il testo resta top secret. In molti spingono per un ritorno al passato con la conseguente diminuzione delle sedute di commissione. Secondo argomento, più politico, riguarderebbe le dimissioni del sindaco Enzo Napoli dalla carica di consigliere provinciale. Il caso potrebbe approdare nel prossimo consiglio di maggioranza. A sollevarlo i consiglieri comunali che si sono “sacrificati” per sostenere il primo cittadino nella corsa verso Palazzo Sant’Agostino. Le dimissioni di Napoli, se da un lato creano tensioni all’interno della maggioranza, dall’altro potrebbero risolvere un caso all’interno del Pd. Al suo posto in Provincia ritornerebbe il sindaco di Bellizzi, Mimmo Volpe, attualmente alquanto freddo nei confronti dei vertici del partito democratico. Ultima questione sollevata, riguarderebbe il cda del consorzio aeroportuale. Accanto ad Anna Ferrazzano (nominata al vertice) mancherebbero altri due nomi. Almeno uno dovrebbe essere indicato dal Comune di Salerno. Entro il 27 marzo il consiglio d’amministrazione dovrebbe essere completato. E la lista di aspiranti consiglieri è già abbastanza lunga.

 

Consiglia