Maaroufi l’interista voluto da Mancini ha giocato anche nella Paganese

Scritto da , 29 marzo 2016

Khalid El Bakraoui, l`attentatore della metro di Bruxelles, avrebbe usato l`identità di Ibrahim Maaroufi, in Italia con le maglie di Inter, Vicenza e Paganese – per affittare un appartamento divenuto un covo del commando delle stragi di Parigi. Centrocampista attualmente in forza al Fc Schaerbeek la squadra del quartiere in cui vivevano i fratelli El Bakraoui. Maaroufi è nato calcisticamente nelle giovanili dell`Anderlecht e del PSV Eindhoven, poi è approdato in Italia disputando due stagioni all`Inter con cui ha collezionato 6 presenze tra coppa Italia e serie A. Fu Roberto Mancini a farlo esordire in Serie A. Aveva a 17 anni, era il 25 ottobre 2006: Inter-Livorno 4-1 subentrò Stankovic al 82′. “Me lo ricordo come un buon centrocampista”, raccontò tempo dopo l’allenatore nerazzurro, “veniva dalle giovanili del PSV, con grandi qualità tecniche e geometriche, un bravo ragazzo che si distingueva per dedizione e impegno, fu uno dei motivi del suo impiego”. Dopo una breve esperienza al Twente, nel campionato olandese, è tornato in Italia. Il suo cartellino è stato acquistato dal Vicenza. Negli anni successivi, grazie al doppio passaporto marocchino e belga, ha giocato nelle nazionali giovanili di entrambi i Paesi. Nel 2014 è tornato per la terza volta in Italia raggiungendo un accordo con la Paganese, squadra del Salernitano attualmente in Lega Pro.

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->