Lotito snobba gli ultras: «Ha contestato solo una frangia»

Scritto da , 21 gennaio 2014

SALERNO. Era attesa la replica di Lotito alla tifoseria, che domenica l’ha duramente contestato. La replica del patron non s’è fatta attendere: «Partiamo dal presupposto che ci vuole rispetto per tutti, sia per chi entra, sia per chi preferisce non essere presente allo stadio, ma è chiaro -spiega Lotito- che in un momento delicato come questo la Salernitana avrebbe bisogno di essere sostenuta. Il tifoso faccia il tifoso. A contestarci è solo una piccola parte della tifoseria. Se si vogliono creare polemiche ad arte, sappiano che troveranno sempre la porta chiusa: di certo nessuno ci manderà via da Salerno, sentiamo a pelle la fiducia di gran parte della città e, con i fatti, proveremo a portare tutti dalla nostra parte in nome del rispetto delle regole e dei ruoli che predichiamo sin dal primo giorno». Il patron ha poi chiarito anche il caso Guazzo: «Guazzo è stato uno di quelli che ha chiesto di andar via perchè si sentiva sotto pressione, non a caso ha scelto una piazza tranquilla e meno esigente di Salerno: peccato, abbiamo perso un buon giocatore ed uno dei protagonisti della promozione, non mi piace che si metta tensione ai giocatori e non lo tollero. Detto questo -prosegue Lotito- chiunque non si senta in grado di lottare per la maglia della Salernitana si faccia da parte, la presenza di un direttore navigato come Fabiani serve soprattutto a garantire il rispetto delle regole da parte dei calciatori: chi non rende, non si impegna e non conduce una vita professionale sarà allontanato dal gruppo ed immediatamente sostituito. L’ho fatto anche con alcuni giocatori della Lazio». Infine Lotito ha parlato di mercato. Il numero uno granata ha infine spiegato anche le strategie di mercato, tutte legate alle idee del nuovo direttore sportivo granata: «A Fabiani ho dato carta bianca, siamo pronti ad accogliere tutte le sue richieste anche a costo di fare ulteriori sacrifici economici. Il campionato è partito male, ma non è ancora finito ed è doveroso -sottolinea Lotito- da parte nostra mettere in campo qualunque iniziativa atta a rinforzare la squadra ed a mandare via -conclude il patron- chi non rientra nei piani tecnici». Gaetano Ferraiuolo

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->