Lotito: I tifosi sono ancora pochi

Scritto da , 7 febbraio 2014

SALERNO. Una delle note dolenti della gestione targata Lotito-Mezzaroma è l’assenza di iniziative di marketing e di operazioni simpatia atte ad avvicinare alla squadra il maggior numero di tifosi possibile, soprattutto quelle nuove generazioni che, dopo due fallimenti ed il declassamento in quinta serie senza segni distintivi, hanno snobbato la prima realtà calcistica cittadina e virato sulle big della serie A. La società, un paio di mesi fa, ha rinforzato l’area marketing affidandosi ad alcuni specialisti del settore, cui obiettivo principale è quello di ricucire lo strappo venutosi a creare con Givova, una sorta di “guerra fredda” che ha comportato notevoli ed inattesi ritardi nel lancio sul mercato del nuovo materiale ufficiale, scelto direttamente dalla tifoseria la scorsa estate attraverso un sondaggio. “Sarebbe bello avere dei punti vendita in città ed in provincia dedicati interamente alla Salernitana” la richiesta di tantissimi tifosi, ma la risposta di patron Lotito non si è fatta attendere: “Se allo stadio sono pochi, che senso ha programmare il marketing? Le compro io le magliette? La gente deve supportare una società nata dal nulla, abbiamo bisogno di tempo e fiducia e vedrete che tutti i tasselli andranno al loro posto, l’augurio è che la tifoseria sostenga la Salernitana fino alla fine della stagione, abbiamo dimostrato ancora una volta con i fatti quelle che sono le nostre responsabilità”. Più allenamenti a porte aperte, collaborazione ancora più stretta con Givova per venire incontro alle esigenze dei supporters granata, summit con l’area comunicazione per riprendere il discorso relativo alla rivista ufficiale, presentata nel corso della prima conferenza di Galderisi e mai lanciata sul mercato nonostante i proclami di Stefano De Martino: saranno questi i punti all’ordine del giorno. Non sarà trascurata neanche la questione relativa al settore giovanile ed al campo “Volpe”: nel primo caso, non sono esclusi ulteriori ribaltoni (il responsabile del settore giovanile Ruggiero è un pallino di Mezzaroma e dovrebbe restare al suo posto), nel secondo la Salernitana ha intenzione di chiedere ulteriori delucidazioni all’amministrazione comunale prima di firmare la convenzione d’uso che dovrebbe essere estesa ad almeno un paio di formazioni dilettantistiche salernitane. (ga.fer.)

Consiglia