Lite tra Bianchi e Ginestra

Scritto da , 30 aprile 2014

di Marco De Martino SALERNO. Salernitana ad alta tensione. Nonostante sia stato appena conquistato l’obiettivo minimo stagionale, ovvero la qualificazione ai play off, in casa granata i nervi restano a fior di pelle. Ieri pomeriggio l’ultimo episodio che testimonia lo stato d’animo non proprio tranquillo in seno allo spogliatoio. Durante la seduta d’allenamento, la prima della settimana, è scoppiato un acceso diverbio in campo tra Ginestra e Bianchi. I due esperti calciatori hanno avuto una discussione che è stata sedata dal pronto intervento dei compagni di squadra e del tecnico Gregucci. La diatriba tra Ginestra (domenica scorsa rimasto incredibilmente in panchina per 80’ nonostante sia in una condizione fisica smagliante e nella partita da lui più sentita) e Bianchi è poi proseguita, con toni molto più pacati, negli spogliatoi. Uno strascico che è servito comunque ai due per chiarirsi e riappacificarsi. Se da un lato diverbi e liti sono all’ordine del giorno anche nelle squadre più importanti del pianeta (oltre che naturalmente nel quotidiano, nelle migliori famiglie e tra amici di vecchia data) dall’altro questo è il segnale che non è tutto oro quello che luccica in casa granata. Tanti sono in questa stagione gli episodi che potrebbero essere citati: dal caso Mancini, all’esclusione di Mounard di domenica scorsa, giusto per fare un paio d’esempi e non tornare indietro fino al tormentato inizio di stagione. La società naturalmente non si è pronunciata ufficialmente né in passato né, probabilmente, lo farà ora. Toccherà a Gregucci ma soprattutto a Fabiani mettere i puntini sulle I e non è escluso che qualche provvedimento, nelle prossime ore, possa essere preso. Nel frattempo ieri Gregucci ha perso per infortunio un centrocampista ma, in compenso, ne ha ritrovato un altro. Alla ripresa il tecnico infatti non ha potuto contare su Giuseppe Capua mentre era a sua disposizione Gennaro Esposito. Capua dovrà restare fermo per almeno due settimane. Il mediano si è sottoposto ieri ad un controllo ecografico che ha evidenziato un’elongazione a carico del bicipite femorale destro. Esposito invece, unitamente a Ricci, si è aggregato al gruppo ed è nuovamente a disposizione di Gregucci. L’allenatore ha diviso gli uomini a sua disposizione in due gruppi. Montervino, Volpe (affaticati), Molinari, Foggia, Fofana e Tuia (tutti infortunati) hanno lavorato in palestra, mentre il resto del gruppo ha svolto un lavoro tecnico sul campo. Con la prima squadra ieri si sono allenati anche cinque giovani elementi del settore giovanile: il centrocampista Nappo, il terzino Gabbiano, il bomber Martiniello ed il difensore Rodio dalla Berretti di mister Mauro Chianese e la punta Cappiello (di cui si dice un gran bene) dagli Allievi di Giovanni Pisano. In pratica c’era “la meglio gioventù” granata. Molto probabilmente i cinque giovanissimi granata saranno convocati anche per la trasferta di domenica prossima a Pagani per rimpinguare il gruppo che molto probabilmente dovrà fare a meno di diversi titolari tra infortuni e rischio squalifiche. E’ intenzione infatti di Gregucci di risparmiare Gori e Tuia (tra l’altro quest’ultimo ha subito un piccolo infortunio muscolare domenica scorsa), oltre ai vari Foggia, Molinari, Fofana e Capua, tutti infortunati ed allo squalificato Perpetuini. E’ molto probabile dunque che al Torre possa toccare a tanti elementi che ultimamente hanno trovato poco spazio, come Iannarilli, Luciani ed Ampuero. Difficile che Esposito possa essere in campo dall’inizio, ma Gregucci potrebbe riservargli qualche minuto per aiutarlo a ritrovare la migliore condizione in vista dei play off. I giovani della Berretti potrebbero addirittura trovare posto anche nell’elenco dei diciotto. La Salernitana intanto si ritroverà questo pomeriggio, sempre a partire dalle 15, al campo Volpe per proseguire la preparazione in vista del derby. Con l’auspicio che gli animi siano più distesi.

Consiglia