L’ingresso della chiesa di San Crispino e Crispiano ricoperta ancora dai rifiuti

Scritto da , 31 Ottobre 2021
image_pdfimage_print

di Monica De Santis

“Benvenuti nella discarica di via Dei Canali, tutto ciò che a voi non serve potete venire a buttarlo qui”. Questo non è uno slogan e neanche un cartello esposto in via Dei Canali, ma forse dovrebbe essere esposto, perchè oramai la strada che si collega verso il basso con via Roma e verso l’alto con via Tasso, è una vera e propria discarica. I cumuli di rifiuti che vengono lasciati da cittadini troppo pigri per fare la raccolta differenziata diventano ogni settimana sempre di più. Tanti rifiuti, di ogni genere e a nulla sono valse, le multe che il Comune dice di aver fatto la scorsa settimana dopo aver identificato i colpevoli. Ogni giorno si continuano a gettare rifiuti. E ieri qualcuno ha pensato bene di lasciare anche un forno, in caso qualcuno abbia voglia di cucinare all’aperto. Una situazione questa denunciata tante, tantissime volte. Talmente tante volte che oramai anche gli stessi residenti hanno perso ogni speranza di vedere risolto il problema. “Sono state installate dall’Amministrazione comunale delle telecamere per controllare proprio chi viene a sversare i propri rifiuti in quel punto di via Dei Canali – racconta uno dei residenti – Ma nessuno controlla i filmati. Abbiamo anche chiesto ad un vigile come mai ad oggi non è mai stato elevato un verbale o identificata una delle tante persone che getta la spazzatura davanti alla chiesa dei Santi Crispino e Crispiano. La risposta? Se non viene fatta una denuncia ufficiale da parte di un cittadino, loro non controllano i filmati. Insomma le telecamere sono state installate ma non servono a nulla, perchè senza una denuncia nessuno controlla. Peccato che lo stesso metono non viene utilizzato per le targhe delle macchine. Se per caso erroneamente un turista entra in una zona ZTL subito gli viene fatta la multa. Se invece si butta la spazzatura davanti ad un monumento cittadino, bisogna fare una denuncia. Due pesi due misure”. La situazione diventa ancora più grave se si pensa che proprio difronte alla chiesa di San Crispino e Crispiano si trova il complesso monumentale di San Pietro a Corte e Palazzo Fruscione, due location tra le più visitate dai turisti che vengono a Salerno. E come biglietto da visita la scena che si presenta non è di certo la migliore.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->