Le mani di De Luca sull’Aeroporto. Metrò fino a Pontecagnano, fondi per la mobilità in Costiera

Scritto da , 14 maggio 2016

di Andrea Pellegrino

«Le regole che abbiamo stabilito saranno rigorose e varranno per tutti, per Napoli, Salerno, Avellino, Caserta e Benevento. Chi non sarà in grado di spendere queste risorse, le perderà perché noi tempo da perdere non ne abbiamo. Mi auguro che Salerno sia prima fila nella sfida per l’utilizzazione dei fondi europei e mi auguro che ci sia un’amministrazione in grado di spendere i fondi e aprire i cantieri senza perdere tempo in chiacchiere». Quattro miliardi per la provincia di Salerno ed un miliardo circa per la città capoluogo. Il governatore della Campania Vincenzo De Luca dispensa fondi, presenta nuove opere ed avverte i comuni: «Chi sbaglia, paga». Ieri mattina, presso la sede del Genio Civile di Salerno, De Luca, alla presenza di Enzo Napoli e del presidente della Provincia di Salerno, Giuseppe Canfora, ha presentato tutti gli interventi che riguarderanno la vasta area. Annunciando anche, per quanto riguarda la nuova programmazione europea, un fondo di rotazione da 40 milioni di euro per la progettazione a disposizione dei Comuni.

Mani sull’Aeroporto di Salerno con 40 milioni di euro. Questo il primo obiettivo del governatore: «Far funzionare lo scalo grazie a fondi veri e stanziati». Le prossime tappe, dunque, prevedono l’aumento di capitale, con la Regione Campania che sarà così socio di maggioranza e guiderà in tutto e per tutto lo scalo di Pontecagnano. Già la prossima settimana potrebbe essere definito il nuovo assetto societario, con tanto di nomine. Cento milioni di euro, poi, per il completamento della Metropolitana di Salerno che dall’Arechi dovrà raggiungere proprio il «Costa d’Amalfi-Cilento».

Soldi a volontà per la mobilità. A partire dalla strada ferrata che raggiungerà l’Università di Fisciano da Salerno a finire con un grande progetto per la Costiera Amalfitana e la realizzazione di una metropolitana leggera dell’Agro. Un progetto questo da 100 milioni di euro che potrebbe partire a breve. Lunedì, infatti, è già in programma un vertice tra i sindaci dell’Agro Nocerino Sarnese ed il presidente De Luca.

Per il capoluogo stanziati 40 milioni per il completamento del Palazzetto dello Sport e 25 milioni per la riqualificazione della Stazione centrale con la sistemazione dei binari e la realizzazione di un sottopassaggio con la Cittadella Giudiziaria. Ancora completamento del II lotto di Corso Vittorio Emanuele e prosieguo dell’intervento – con uno stanziamento di 110 milioni di euro – di ripascimento e riqualificazione del litorale salernitano. Al Teatro Verdi andranno 4,5 milioni di euro in tre anni ed un contributo di 3 milioni di euro con i fondi Poc.

«Credo – ha detto Vincenzo De Luca – che saremo in grado di vincere questa sfida storica che non tornerà mai più. Abbiamo anche avviato una semplificazione burocratica che andrà avanti; anche gli investitori devono essere pronti e avanzare anche progetti da realizzare con capitali privati. Questo è un momento storico anche per l’imprenditoria della nostra provincia». Sulla città di Salerno, l’ex sindaco ha aggiunto: «non c’è in Europa un attracco per navi da crociera bello come quello realizzato con la Stazione marittima di Zaha Hadid. Uno dei progetti che finanzieremo, sarà, ovviamente, il prolungamento del molo Manfredi per accogliere non solo tre navi contemporaneamente ma anche navi di classe superiore da 100mila tonnellate, da 5mila passeggeri. Stiamo costruendo un destino produttivo. Stiamo realizzando un qualcosa di unico in Italia. Tutta la trasformazione della città di Salerno sta avvenendo nell’ambito di un piano regolatore, cioè di un disegno urbanistico definito dieci anni fa. Non c’è nessun intervento casuale».

Consiglia