Le Fonderie sono abusive dal 1961

Scritto da , 18 ottobre 2018
image_pdfimage_print

di Red. Cro.

Infine arrivò la notizia delle Fonderie abusive. A denunciarlo è stato Lorenzo Forte, presidente del comitato Salute e Vita, nel corso di un’intervista trasmessa in diretta streaming sulla pagina facebook del Meetup del Movimento 5 Stelle di Salerno. «Vi do un’importante novità, esclusiva. La fabbrica ha origine abusiva -tuona Lorenzo Forte-. Abbiamo inoltre scoperto che questa fabbrica nasce abusiva, nel 1961, quando è stata spostata a Fratte nell’area che era zona industriale fino al 2006. L’azienda non ha mai fatto dichiarazione di inizio attività, o almeno non è mai stata trovata visto che tutti gli uffici del comune (di Salerno, ndr) dicono di non avere questa dichiarazione, e i Pisano non hanno mai detto di averla. Se non c’è, dunque, non esiste e la fabbrica, dunque, ha origine abusiva». «Il 2 luglio l’Arpac di Salerno -prosegue Forte, nella diretta che ha visto la partecipazione anche di Raffaella Vitale e di Fabio Torluccio- con altre Arpa trovano 8 bat su 9 parzialmente applicate, e poi specificano cosa significa. Dopo varie “lettere d’amore” tra Regione e Arpac si arriva al 3 ottobre, quando l’Arpac dice che questa cosa significa che vi è un nocumento alla salute dei lavoratori e dei cittadini, per 2 motivi. I rifiuti speciali, che si continuavano a gestire male, e le emissioni diffuse per cui continuavano e continuano ad avvelenarci. Entro 45 giorni questi signori devono fare il miracolo di mettere a posto questi 8 bat: noi riteniamo sia impossibile, poiché sono le stesse che durano dal 2015 ad oggi». «Ciro Pisano finalmente ammette per la prima volta, o si confonde nel dirlo in un’intervista alla Rai, che “sono sempre stati abbastanza in regola”. Se non fosse per il fatto che veniamo avvelenati sarebbe anche divertente sentir dire che sono “abbastanza in regola”, ma è un dramma per chi ci lavora e per noi fuori» conclude Forte nel corso del suo intervento in diretta streaming.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->