«L’aeroporto non c’entra nulla, la compagnia verrà querelata»

Scritto da , 11 aprile 2017

 

di Brigida Vicinanza

“L’aeroporto di Pontecagnano non c’entra nulla tra le beghe di compagnie aeree e tour operator che operano all’interno dello scalo”. Con queste parole, il presidente del Costa d’Amalfi Antonio Ferraro, si tira fuori dalla vicenda – riportata su queste colonne – che ha visto protagonista la compagnia AironAir e il tour operator salernitano che pare aver organizzato un volo a Medjugorie con tanto di pagamento dei biglietti aerei, senza che il volo sia mai esistito. La lettera di risposta della compagnia aerea ai viaggiatori parla chiaro: quel volo non è mai esistito e non si sa chi possa aver preso i soldi a nome della compagnia stessa, che non ha finalizzato mai l’accordo, considerando anche le difficoltà di far decollare gli aerei su una “pista troppo corta e che con le temperature alte, non dà sicurezza al volo e ai passeggeri”. Il gruppo sarebbe dovuto decollare il 20 aprile. L’organizzatore, nelle settimane scorse, aveva pagato (9mila euro) un anticipo al tour operator. Qualche giorno fa invece l’amara notizia: la compagnia non parte più da Pontecagnano. Così si è cercato di correre ai ripari, dirottando alcuni passeggeri a Roma. Ma più di venti, invece, resteranno a piedi. A febbraio l’annuncio dell’arrivo della compagnia aerea rumena Aviro Air, con la presentazione dell’aereo da 112 posti. E alla fine tutto è sfumato, senza riuscire a capire la vera motivazione a questo punto. Ma dallo scalo si difendono, anche sull’aspetto della pista: “Non abbiamo mai avuto alcun tipo di problema con la pista, nessuno ha mai avuto questo tipo di difficoltà, tant’è che tantissime compagnie aeree hanno scelto di partire dal Costa d’Amalfi, se questa compagnia aerea ha dichiarato che ci sono problemi sulla pista, utilizzando il nostro nome, verrà querelata – ha sottolineato ancora Ferraro – siamo assolutamente estranei ai fatti, gli altri hanno volato tranquillamente, non ci sono problemi nè con le temperature alte, nè con le basse”. Insomma alla base di tutto ci potrebbero essere delle incomprensioni, ma a quanto pare, rimane un mistero al quale non si riesce a venire a capo. Dall’aeroporto di Pontecagnano alzano le mani e se ne tirano fuori.

 

Consiglia