“L’abbraccio” tra Maccauro e Prete

Scritto da , 9 novembre 2016
maccauro-mauro

di Brigida Vicinanza

Ultima assemblea per Mauro Maccauro, presidente di Confindustria Salerno al teatro Verdi di Salerno nel corso dell’incontro dal tema “Trasmissione futuro. Le classi dirigenti e la sfida del cambiamento”. Dopo 4 anni di mandato infatti Maccauro sta per lasciare l’associazione, probabilmente ad Andrea Prete. L’abbraccio tra i due, durante l’assemblea, potrebbe essere infatti, un segno tangibile del passaggio del testimone. ”Il mio intento – ha spiegato il presidente Maccauro – era quello di portare l’associazione fuori delle stanze del nostro palazzo per mettere in scena e condividere idee e progetti con la più ampia base associativa e con tutti i protagonisti della vita sociale, economica, culturale e istituzionale di questa provincia”. Per Maccauro “la precondizione dello sviluppo di questo territorio è la costruzione di una classe dirigente capace di interpretare le esigenze del nostro tempo. Guardando al futuro, due sono le questioni pregnanti: riportare al centro la manifattura, sviluppando quella che oggi viene definita Industria 4.0, e ricondurre la questione sociale dentro quella puramente economica, per non rischiare di avere una crescita per pochi e un mancato sviluppo per tanti”. All’assemblea ha partecipato anche il presidente Confindustria Vincenzo Boccia, definito da Maccauro “l’emblema di chi è arrivato ai vertici passando dal lavoro e non dai salotti buoni. Quando, alcuni mesi prima di diventare presidente di Confindustria, mi espose il suo pensiero e le sue ragioni a sostegno della riforma costituzionale, mi resi subito conto che il nostro sistema di rappresentanza era a una svolta. Aveva deciso di giocare allo scoperto e in modo chiaro le proprie partite, fossero sul tavolo di un referendum o avessero come posta in gioco un maggiore salario a fronte di una più alta produttività. Questo per me significa essere classe dirigente. Per questo oggi Confindustria ci fa sentire forti e orgogliosi di farne parte ed essere diparte, contro l’abulia e l’indifferenza”. Parole di apprezzamento per il lavoro svolto da Mauro Maccauro sia dal presidente Boccia che dal governatore della Campania Vincenzo De Luca. Intanto due giorni fa si sono – dunque – chiusi i termini della candidature alla successione e il nome fatto è quello di Andrea Prete. “Sono certo – conclude Maccauro -che sul suo nome, rispettabile, competente e pregno di spirito confindustriale, si troverà la massima coesione”.

Consiglia