La voce soul di Noreda Graves

Scritto da , 24 Luglio 2019
image_pdfimage_print

XI serata in Soul, stasera, nel Centro Storico di Morra De Sanctis, per la XXII edizione dei Concerti d’Estate di Villa Guariglia in Tour

Di OLGA CHIEFFI

Hanno voci calde, quella timbrica di bronzo che squilla naturale, e si alimentano della potenza delle parole di cui si fanno messaggeri. Dalla grande Nina de Simone in poi, sono spiriti liberi e profetici che ti portano dentro le loro anime e ti annegano nelle note di pezzi virtuosi e semplici. Talenti naturali, cantano e ipnotizzano il pubblico sin da bambini, stelle senza volerlo, rimani nell’incanto di un ricordo lirico che ti sazia e ti lascia affamato di musica. Impareggiabili, inimitabili, nati per cantare. Sarà una di queste, la voce calda, vellutata, dirompente e potente di Noreda Graves ad inondare  ed emozionare quanti, stasera, dalle ore 21, affolleranno il centro storico di Morra De Sanctis, meta fuori provincia della XXII edizione dei “Concerti d’Estate di Villa Guariglia in Tour” fiore all’occhiello dei progetti culturali del C.T.A. di Salerno. Una serata voluta fortemente dal Sindaco della città natale di Francesco De Sanctis, Enrico Indelli, che farà ricredere certamente il grande critico letterario, il quale nel 1865, ministro dell’Istruzione, tramite le pagine del giornale L’Italia, consigliò al successore Giuseppe Natoli, che ricopriva l’incarico in quel momento, di tenere lontane le sirene di materie “superflue” come la musica, poiché “non producono valentuomini, ma buffoni”. Fortunatamente le cose non sono andate così il 24 luglio, alle ore 21 (ingresso libero), Noreda Graves, una delle voci soul più apprezzate d’America, sostenuta da un quartetto made in Salerno, composto da Massimo Barrella alla chitarra, Bruno Salicone all’organo, Stefano De Rosa alla batteria e Francesco Galatro al basso, donerà uno spettacolo sottile e delicato nella sua forza interpretativa che troverà a tratti sfumature comiche capaci di ridurre le vicinanze tra il palco e il pubblico stesso, spaziando tra blues, funk e soul, non dimenticando le sue origini gospel che maggiormente la caratterizza, solista di due dei cori più importanti al mondo “The Anthony Morgan Inspirational Choir of Harlem” e “Harlem Gospel Choir”. Ed il motivo è presto detto perchè Noreda fa dello strumento per eccellenza, la voce, il proprio punto di forza nel trasmettere passione ed emozione, la sua storia e quella dei pezzi interpretati, capaci di riaccendere le emozioni del pubblico totalmente coinvolto dalla sua esibizione. La musica, infatti, non si fa esclusiva, nei “Concerti d’Estate di Villa Guariglia in Tour”, ma ponte verso l’assaggio di generi diversi come blues, pop, etnica, tango, e naturalmente classica e jazz, proponendo, come ben noto, musica di qualità.

 

 

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->