La società pensa di anticipare la campagna abbonamenti

Scritto da , 3 giugno 2014

SALERNO. Gli oltre 4700 abbonati ed i circa 8500 spettatori presenti in media ad ogni partita casalinga rappresentano l’unica soddisfazione in una stagione sportiva negativa, che ha visto arrivare la Salernitana alla sola conquista della Coppa Italia di Lega Pro senza ottenere il salto di categoria, ciò che più si desiderava. Partendo da questi numeri così imponenti che confermano, semmai ce ne fosse bisogno, le potenzialità della piazza, si cercherà anche quest’anno di ideare una campagna abbonamenti efficace e che faccia breccia nel cuore della gente. Quasi sicuramente, sulla scia della passata stagione, la società riproporrà la sottoscrizione di un voucher che darà diritto alla visione di tutte le partite casalinghe (con l’esclusione di un’eventuale giornata granata) senza l’obbligo di possedere la Tessera Del Tifoso. Quest’anno non c’è lo stesso entusiasmo dell’anno scorso, salire di categoria è diventato difficile e si respira un clima di malumore e proprio per questo un ruolo fondamentale è quello della società, chiamata a far riesplodere la polveriera granata nella prossime settimane. Alcuni importanti acquisti porteranno a sottoscrivere molti abbonamenti e la proprietà è partita con il piede gusto affidando la panchina a Mario Somma e, seguendo l’esempio delle squadre di serie A, sta pensando di lanciare in anticipo la campagna abbonamenti, attuando prezzi simili a quelli dell’anno scorso (è molto probabile un lieve aumento visto che le partite da disputare all’Arechi saranno di più) e pensa di agevolare non solo under14, donne ed over65, ma anche i vecchi abbonati e le famiglie proponendo dei pacchetti ad hoc. Così come l’anno scorso, i distinti non dovrebbero essere aperti, ma è probabile la riproposizione per ogni gara dell’ operazione “Tutti uniti all’Arechi” che ha avvicinato i più piccoli a prezzi irrisori al calcio in generale, alla Salernitana in particolare. Gaetano Ferraiuolo

Consiglia