La Salernitana spreca, il Verona la castiga: al Bentegodi arriva il primo stop del 2017

Scritto da , 29 gennaio 2017

di Marco De Martino

VERONA. La Salernitana lotta ma esce dal Bentegodi con un pugno di mosche. L’Hellas Verona ottiene, con il minimo sforzo, il massimo risultato proprio come una capolista deve fare. Gli scaligeri vincono 2-0, con un gol per tempo realizzati da Pazzini e Luppi. I granata invece vanno vicini al pari con Ronaldo e Della Rocca ma falliscono l’ennesima prova del nove della stagione.

La Salernitana tiene bene il campo nei primi venti minuti, crea un paio di buone occasioni con Della Rocca e Busellato, ma al primo affondo dell’Hellas capitola. Disimpegno sbagliato da Tuia, la palla arriva a Romulo che dalla destra lascia partire un cross perfetto per la testa di Pazzini, che sempre Tuia si perde in maniera imbarazzante, che batte Gomis realizzando la sua diciassettesima rete in diciannove partite. Gli scaligeri non sembrano trascendentali ma ogni volta che attaccano creano problemi alla retroguardia granata, come al 36′ quando Bessa, al culmine di una azione corale, conclude dal limite sfiorando il palo alla destra di Gomis. La Salernitana prova a spingere nel finale di frazione, ma non riesce a trovare varchi e così al riposo si va sul vantaggio scaligero.

La Salernitana parte a razzo nel secondo tempo e dopo appena tre minuti Ronaldo sfiora il pari con una splendida azione personale. Doppio passo del brasiliano che salta Fossati e lascia partire un bolide di esterno destro che manda il pallone, deviato da un difensore,  clamorosamente sul palo esterno alla destra di Nicolas. Al 56′ altra opportunità colossale per il pareggio granata: azione insistita di Coda, la palla arriva a Rosina in piena area che serve l’accorrente Della Rocca il quale, completamente solo a tu per tu con Nicolas calcia alle stelle. Nel momento migliore della Salernitana arriva però il raddoppio veneto: azione stile rugby da destra a sinistra, col pallone che arriva a Luppi il quale indisturbato stoppa, mira il palo più lontano e fa secco Gomis. Bollini prova il doppio cambio, con l’ingresso di Donnarumma e Joao Silva al posto di Rosina e Busellato, passando al 4-2-4 iperoffensivo. Ed è proprio il portoghese al 67′ a sfiorare il gol con un tiro cross sfiorato da Donnarumma e respinto da Nicolas d’istinto. All’83’ Perico, con una sberla da fuori, prova a riaprire il match ma Nicolas si supera. Al 91′ ci prova ancora Joao Silva di testa ma il pallone finisce ancora una volta fuori di un soffio. Niente da fare per la Salernitana, costretta alla prima battuta d’arresto del 2017 dopo due vittorie consecutive. L’ennesimo esame di maturità fallito da un gruppo che nelle ultime 48 ore di mercato andrà assolutamente integrato.

HELLAS VERONA-SALERNITANA 2-0

HELLAS VERONA (4-3-1-2): Nicolas; Pisano, Caracciolo, Boldor, Souprayen; Romulo, Fossati, B. Zuculini (60′ Zaccagni); Bessa (81′ Troianiello); Luppi (75′ Gomez), Pazzini. A disp.: Coppola, A. Ferrari, F. Zuculini, Fares, Siligardi, Cappelluzzo. All.: Pecchia

SALERNITANA (4-3-3): Gomis; Perico, Tuia, Bernardini, Vitale; Busellato (66′ Joao Silva), Ronaldo, Della Rocca; Improta (81′ Bittante), Coda, Rosina (66′ Donnarumma). A disp.: Terracciano, Luiz Felipe, Schiavi, Mantovani, Minala, Zito. All.: Bollini

ARBITRO: Pasqua di Tivoli (Zappatore-Villa). Quarto uomo La Penna

MARCATORI: 22′ Pazzini, 59′ Luppi

NOTE: Spettatori cirva ventimila di cui un migliaio di fede granata. Ammoniti B. Zuculini, Ronaldo, Busellato. Recupero 1′ e 4′

Consiglia