La Salernitana scopre di avere il mal d’attacco

Scritto da , 10 aprile 2017
salernitana_rosina_coda

 

di Marco De Martino

SALERNO. Dopo la sconfitta di Terni l’interrogativo in casa Salernitana è uno solo: i play off sono ancora possibili? Guardando il calendario e soprattutto i numeri fatti registrare finora dalla compagine granata nel girone di ritorno la risposta è affermativa. Ma spulciando tra le statistiche, viene fuori un dato che deve far riflettere. La Salernitana, in questo girone di ritorno, ha segnato la miseria di undici gol in quattordici gare. Una media, in pratica, inferiore al gol a partita. A mascherare questo dato negativo ci ha pensato la grandissima performance della difesa, che è la meno perforata della cadetteria con sole nove reti sul groppone. Fa riflettere però l’anemia di un reparto che a più riprese in questi mesi è sembrato essere l’unico punto di forza della Salernitana. A rendere ancora più preoccupante il dato statistico è la suddivisione delle undici reti. Quasi la metà, cinque, sono state messe a segno da Massimo Coda, mentre le restanti sei sono state realizzate da Donnarumma (con il Brescia), Rosina (a Pisa), Busellato (a Vicenza), Minala (con il Cesena), Bernardini e Sprocati (entrambi contro l’Ascoli). E non è una coincidenza se i digiuni di Coda (tra la seconda e la sesta giornata di ritorno e tra la undicesima e quattordicesima giornata di ritorno) siano coincisi con i periodi meno fruttiferi in termini di punti per la Salernitana. Serve immediatamente invertire il trend negativo se davvero si vuole puntare ai play off, anche perché sono in arrivo le sfide contro le dirette concorrenti. Dopo i match con Latina e Pro Vercelli infatti la Salernitana se la vedrà contro Bari, Frosinone e Carpi, formazioni che fanno proprio dell’attacco il loro punto di forza. Intanto la squadra godrà anche oggi di un giorno di riposo assoluto. La preparazione riprenderà nel pomeriggio al Volpe. Bollini, che contro il Latina non avrà a disposizione Minala che oggi verrà squalificato per una giornata (anche se bisognerà capire quanto Manganiello nel proprio referto abbia calcato la mano dopo il “vaffa” del centrocampista granata) così come Busellato, che potrebbe aver chiuso in largo anticipo la sua stagione. Da verificare le condizioni di Coda, uscito malconcio dal Liberati, mentre non dovrebbero esserci problemi per Donnarumma che è sulla via del pieno recupero. Contro il Latina Bollini, proprio per ovviare all’anemia offensiva, potrebbe optare per un tridente più spregiudicato come quello visto contro l’Ascoli, ovvero con Sprocati e Donnarumma in appoggio a Coda. A centrocampo invece dovrebbe essere Ronaldo a sostituire Minala.

 

Consiglia