La Salernitana ripiega su Sprocati e Di Cesare

Scritto da , 26 gennaio 2017

di Marco Di Martino

SALERNO. Saranno verosimilmente Mattia Sprocati, Valerio Di Cesare e Lorenzo Filippini i prossimi acquisti della Salernitana. Soluzioni che qualcuno definirebbe di ripiego, dopo che gli obiettivi più importanti (su tutti Blanchard, ormai ad un passo dal Benevento) si stanno accasando altrove. Doppio affare in dirittura d’arrivo con la Pro Vercelli, che cederà a titolo definitivo al club granata l’esterno d’attacco e che darà il via libera alla conclusione anticipata del prestito dalla Lazio del terzino, che si accaserà all’ombra dell’Arechi sempre in prestito. L’arrivo di Sprocati può essere letto anche nell’ottica più ampia della permanenza di Donnarumma a Salerno (per il quale sembra sia rimasto in lizza soltanto il Parma). L’agente del bomber torrese, Mario Giuffredi, ha infatti in procura anche Sprocati. La “bestia nera” dei granata, classe ‘93, rappresenterà per Bollini un jolly molto prezioso in avanti. L’ex perugino infatti, oltre ad interpretare bene principalmente il ruolo di esterno (può essere l’alter ego di Improta) è capace all’occorrenza di disimpegnarsi anche nel ruolo di seconda punta. Sprocati in pratica andrà ad occupare la casella lasciata libera da Caccavallo. Filippini, su cui nelle ultime ore si era fiondato anche l’Entella, ha avuto il placet della Pro Vercelli e nelle prossime ore si accaserà, come previsto già da diversi giorni alla Salernitana, dove ritroverà Bollini e Minala, conosciuti ai tempi della Lazio Primavera. Infine Di Cesare. L’arrivo di Suagher (altro nome accostato alla Salernitana) a Bari chiude le porte all’esperto centrale classe 1983 che è in scadenza di contratto e che è sul mercato. La Salernitana, dopo aver definitivamente perso Blanchard anche perché rallentata dalla difficoltà nel piazzare sul mercato Schiavi, ha chiesto alla società pugliese di bloccare Di Cesare. Non appena il club granata cederà il metelliano (Ascoli e Parma restano timidamente sulle sue tracce) Di Cesare firmerà un contratto di un anno e mezzo con la Salernitana. Si lavora anche per l’ingaggio di un centrocampista, che dovrebbe essere il giovane Demetrio Steffè del Teramo. Essendo under non occuperà posti in lista e sarà un buon elemento da plasmare per Bollini, che lo stima fin da quando militava al Chievo Primavera (con cui si è laureato campione d’Italia) ed all’Inter Primavera. Dunque la Salernitana si sta muovendo per portare a termine quattro operazioni in entrata, Sprocati, Filippini, Di Cesare e Steffè, e due in uscita, Schiavi e Liverani. Ormai infatti Terracciano sembra deciso a restare per giocarsi, in questi ultimi cinque mesi, le sue carte per contendere il posto da titolare a Gomis. Ragion per cui a partire dovrà essere necessariamente Liverani, che ha un buon mercato in terza serie. Dopo il Modena, ieri si è fatto avanti l’Arezzo. In ogni caso Liverani lascerà Salerno senza aver mai disputato neppure un istante in campo con la casacca granata. Destinati a restare a Salerno, come Terracciano, anche Ronaldo, Zito e Joao Silva. Il regista brasiliano pare abbia convinto Bollini a puntare su di lui. L’esterno napoletano, pur avendo messo in preventivo di essere una seconda scelta anche per l’attuale tecnico, non vuole assolutamente lasciare una piazza che gli è entrata nel cuore. Per il centravanti portoghese, invece, non esistono margini per una sua partenza perché le uniche offerte pervenute in via Allende per il suo cartellino sono giunte da società di Lega Pro. Opzione, quella del declassamento, scartata categoricamente dall’attaccante che eventualmente avrebbe accettato un trasferimento in B o all’estero.

Consiglia