La Salernitana fallisce l’ennesimo esame play off: all’Arechi solo pari col Cesena

Scritto da , 18 febbraio 2017

di Marco De Martino

SALERNO. Scialbo pareggio all’Arechi, il secondo consecutivo tra le mura amiche, per la Salernitana che non va oltre l’1-1 con il Cesena. Un risultato maturato nel primo tempo, frazione letteralmente regalata dai granata a causa delle scelte poco felici di Bollini e di alcuni calciatori in giornata no, come Ronaldo ed Improta. Eppure la Salernitana era passata in vantaggio per prima con Minala, ma è stata subito raggiunta dai romagnoli con Cocco. Un legno per parte e alcune buone occasioni fallite da Coda e Donnarumma nella ripresa, poi poco altro.

Inizio horror per la Salernitana che sbaglia approccio e consente al Cesena di spingersi subito in avanti. La prima occasione capita sulla testa di Garritano che gira bene un cross perfetto di Renzetti dalla sinistra ma Gomis è straordinario nel respingere il pallone diretto all’incrocio con un poderoso colpo di reni. Nel momento peggiore però la Salernitana trova il vantaggio al minuto 22. Lancio a tagliare il campo di Busellato che pesca Coda sul secondo palo, il quale batte al volo di destro trovando un tiro cross velenoso che favorisce Minala, che di petto deposita la palla in fondo al sacco. La reazione del Cesena è immediata ed al 26’ perviene subito al pareggio. Ennesima palla persa da Ronaldo a centrocampo, cross dalla destra di Balzano, errore in marcatura di Perico che lascia Cocco solo in mezzo all’area di testa e di battere un non perfetto Gomis. Ancora tre minuti e Cocco ci riprova, stavolta con un destro da posizione decentrata, con Gomis che risponde in corner. Dall’angolo Ligi anticipa tutti di testa sul primo palo e coglie una traversa clamorosa. Bollini prova a rimediare sostituendo Tuia con Vitale e passando al 4-4-2. Ed un legno arriva anche per la Salernitana, proprio nell’ultimo giro di lancette, sempre con Minala che su corner di Ronaldo anticipa tutti ma di testa manda il pallone sulla base del palo ad Agliardi battuto. Termina la prima frazione con il punteggio in parità e con la sensazione che i granata abbiano sbagliato l’approccio mentale alla partita.

La Salernitana nella ripresa non rischia ma non crea neppure, e così al 60’ Bollini si gioca la carta Donnarumma al posto di Rosina, mossa accolta dall’ovazione dell’Arechi. Al 63’ però è il Cesena a sfiorare il raddoppio con Cocco che, ben servito a centro area, batte debolmente tra le braccia di Gomis. Sul capovolgimento di fronte Donnarumma mette a tu per tu con Agliardi Coda ma il tentativo di scavino del bomber è troppo prevedibile e il portiere romagnolo blocca. Ancor più clamorosa l’occasione che capita a Donnarumma: Coda rifinisce per il gemello, che si ritrova a tu per tu con Agliardi ma che apre troppo il destro mandando la palla a lato. Al minuto 78 altra buona chance, con Coda che conclude, Agliardi respinge, Donnarumma ribadisce in gol ma La Penna annulla per fuorigioco. Un minuto dopo e Agliardi si supera su un bolide dal limite di Ronaldo. All’85’, complice una mancata uscita di Gomis, si accende una mischia in area granata ma Ciano sbaglia da pochi passi il gol del vantaggio bianconero. L’ultimo tentativo è di Schiavi a tempo scaduto che di piatto manda alto sulla traversa. Finisce in parità con la Salernitana che fallisce l’ennesima occasione per compiere il definitivo salto di qualità.

SALERNITANA-CESENA 1-1

SALERNITANA (4-3-3): Gomis; Perico, Tuia (34’ Vitale), Schiavi, Bittante; Busellato, Ronaldo, Minala; Improta (86’ Sprocati), Coda, Rosina (60’ Donnarumma). A disp.: Terracciano, Mantovani, Luiz Felipe, Odjer, Zito, Joao Silva. All.: Bollini

CESENA (3-5-2): Agliardi; Perticone, Rigione, Ligi; Balzano, Garritano (79’ Laribi), Crimi (70’ Vitale), Kone, Renzetti; Cocco, Ciano. A disp.: Agazzi, Panico, Donkor, Falasco, Capelli, Setola, Di Roberto. All.: Camplone

ARBITRO: La Penna di Roma 1 (assistenti Gori e Raspollini. Quarto uomo Carella)

MARCATORI: 22’ Minala, 26’ Cocco

NOTE: Spettatori 8990. Ammoniti Cocco, Crimi, Ronaldo, Minala, Perico, Kone, Improta. Recupero 1’ e 3’

Consiglia