La Salernitana cade anche a Livorno

Scritto da , 16 Marzo 2019
image_pdfimage_print

Anche un punto forse poteva bastare per dissolvere almeno parzialmente le nubi di una tempesta all’orizzonte che sta per abbattersi sulla Salernitana. E invece a Livorno la squadra granata perde l’ennesima partita e ora forse nemmeno l’ombrello di Gregucci può bastare. Partita persa giocando una buona ripresa dove, complice l’infortunio in avvio di Calaiò, i granata con Jallow, Djuric e Vuletich tutti e tre contemporanemente in campo deve affidarsi ai tiri di Di Tacchio della distanza per tenere viva una partita fino al 90’. E cosi il gol di Rocca al 23’ della prima frazione rimane un prezioso cimelio per Breda e i suoi ragazzi che accorciano in zona salvezza proprio mettendo nel mirino la Salernitana.

Salernitana a Livorno dunque, a caccia del riscatto, dopo una settimana che definire turbolenta è poco. Prima la sconfitta interna con il Crotone, poi la partenza della squadra in ritiro a San Gregorio Magno. Il botta e risposta De Luca – Lotito sul futuro della Salernitana. E per ultimo il comunicato della Curva Sud Siberiano che ha annunciato la diserzione dallo stadio dalla prossima settimana.

E per tutto questo e altro a Livorno la squadra granata non può permettersi di perdere assolutamente. Sul campo toscano dentro Odjer, Akpa Akpro e Di Tacchio in mezzo al campo con Lopez e Casasola esterni (Di Gennaro ancora fuori per infortunio e non convocato). Senza Bernardini e Schiavi ma con Mantovani e Perticone recuperati la Salernitana si affida a Pucino, Migliorini e Gigliotti. In avanti Calaiò e Vuletich. Quest’ultimo l’ha spuntata su Jallow che andrà in panchina. Gregucci si gioca la Salernitana (in caso di sconfitta il tecnico rischia l’esonero per colpe non certo soltanto sue).

L’ex Roberto Breda schiera il Livorno con il  3-4-1-2.  Occhio al sempre pericolosissimo Diamanti tra le linee ed alla coppia d’attacco Dumitru-Murillo. Partono dalla panchina Giannetti e Raicevic. In difesa dinanzi a Zima ci sono Di Gennaro, Bogdan e Gonnelli con Valiani, Rocca, Luci e Porcino in mediana. Arbitra Di Paolo di Avezzano.

LA PARTITA

Giornata di sole a Livorno per un match molto importante di serie B. Amaranto e granata si scontrano per mantenere vive le proprie ambizioni di campionato. Non c’è il pienone allo stadio ma non manca l’incitamento dei supporters toscani. Da Salerno oltre trecento tifosi. Gara frizzante i primi minuti con una Salernitana molto aggressiva. A farne le spese è Di Tacchio al 12’ per una manata a Diamanti. Dopo un minuto tegola in casa granata, si infortuna al polpaccio Calaiò e al suo posto ecco Jallow. Dopo una pressione solo accennata del Livorno intorno al quarto d’ora pericoloso al 20’ Casasola che si guadagna un corner.

Dalla bandierina prima Migliorini e poi Vuletich non sfruttano una buona occasione. Al 23’ padroni di casa in vantaggio: discesa di Diamanti che crossa in area, la difesa granata liscia e la sfera termina a Rocca che da due passi fa secco Micai: 1-0 ed entusiasmo al Picchi. Il Livorno insiste per chiudere la gara, con qualche affanno i campani si salvano. Ammonito alla mezz’ora Valiani per fallo in mediana. Al 38’ una discesa di Diamanti atterrato fa gridare rigore agli amaranto, per Di Paolo tutto regolare. Dopo un tiro cross di Casasola di poco fuori e una simulazione in area di Murilo termina un bel primo tempo.

SECONDO TEMPO

Squadre in campo per la ripresa con gli stessi schieramenti che hanno finito il primo tempo. Al 2’ cross di Casasola e rovesciata di Jallow, para Zima: sulla respinta, botta fuori di Di Tacchio. In contropiede Murilo sciupa il raddoppio. Breda inserisce Fazzi per Porcino. Intanto Pucino dalla distanza prova i riflessi di Zima. Dopo un minuto un tiro cross di Jallow attraversa tutta l’area. Gregucci inserisce Andre Anderson per Odjer. Cambia modulo la Salernitana. Pericoloso di testa Vuletich in seguito a calcio d’angolo, palla alta. Dopo un tiro debole di Jallow il Livorno inserisce Giannetti al posto di Murilo. Al 20’ errore tra Micai e Akprò per poco Diamanti non ne approfitta con un pallonetto dal limite. Al 25’ flipper in area granata con più conclusioni ribattute da Micai su Luci prima e dalla difesa granata poi. Entra Salzano per Dumitru nel Livorno alla mezz’ora mentre Di Tacchio intanto con una botta sfiora l’incrocio. Dopo alcuni tentativi di Diamanti e Casasola esce Gigliotti ed entra Djuric nella Salernitana, tre punte per i granata. Ma è sempre Di Tacchio dalla distanza a mettere i brividi a Zima. Nel finale Diamanti in contropiede sciupa un incredibile raddoppio. Finisce cosi dopo quattro minuti di recupero, ora Gregucci rischia.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->