«La mia vita senza il Pastificio Amato». Il racconto di Nino, ex dipendente: «Abbandonati dalle istituzioni»

Scritto da , 12 giugno 2013

Veder crollare un mito dinanzi ai propri occhi dopo aver contribuito alla sua creazione. E’ così che si sono sentiti i dipendenti del pastificio Antonio Amato quando, il 20 luglio 2011, fu emessa la sentenza di fallimento per lo storico opificio salernitano. Nino Ronga, 55enne salernitano, avrebbe “compiuto”, di lì a due mesi, 19 anni di attività tra le mura dello stabilimento di via Tiberio Claudio Felice. 
Assunto nel settembre del 1992, era il responsabile del settore acquisti, gestione e sviluppo packaging. Per quasi 20 anni, quel pastificio è stata la sua casa, i suoi colleghi una seconda famiglia. Da due anni quella casa non c’è più, da un mese nemmeno più quella famiglia. 

 

12 giugno 2013

 

Servizi e approfondimenti sul quotidiano in edicola

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->