La giornalista salernitana Cristiana Matano muore a 45 anni

Scritto da , 9 luglio 2015
image_pdfimage_print

Nove anni fa aveva sconfitto il cancro al seno con lo stesso coraggio con cui, nove anni dopo, ha affrontato il tumore al polmone che, stamane, l’ha portata via. Cristiana Matano aveva soltanto 45 anni. Era la presidente dell’Ussi palermitano, l’associazione dei giornalisti sportivi del capoluogo siciliano; era una delle più popolari e apprezzate conduttrici di Tgs, il telegiornale del Giornale di Sicilia. Salernitana d’origine, trapiantata a Palermo, giornalista professionista da oltre vent’anni, era entrata nella redazione dello storico quotidiano dell’isola dopo l’esperienza all’agenzia di stampa Italpress.

La sua attività e’ sempre stata caratterizzata da una rigorosa preparazione culturale – si era laureata con il massimo dei voti  in materie letterarie all’Università di Salerno – coniugata ad una professionalità curiosa e brillante e a un marcato impegno sociale, sfociato nella fondazione del sito dedicato a Lampedusa, un autentico omaggio all’isola, amatissima dalla giornalista che li’ ha chiesto essere sepolta. Sposata con Filippo Mule’, colonna della redazione sportiva del Giornale di Sicilia, Cristiana era la sorella di Monica Matano, una delle firme più brillanti di Raisport e conduttrice di Sabato Sprint, la popolare trasmissione di Rai Due. Lascia una figlia, Marta.

La redazione di cronache si stringe  attorno a Filippo, a Marta, a Monica, al prof. Aldo e ad Antonia, i genitori di Cristiana.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->