La Fondazione della Comunità Salernitana scende in campo a favore del Giardino della Minerva

Scritto da , 20 Luglio 2020
image_pdfimage_print

di Monica De Santis

“Un’Abbraccio all’Anima” è questo il titolo della serata che domani, 20 luglio, si terrà all’Arena del Mare di Salerno, con ingresso gratuito, prenotandosi al sito www.vivaticket.it, organizzata dalla Fondazione della Comunità Salernitana a sostegno del Giardino della Minerva ed inserito nell’ambito del progetto MusicAccanto.

“La Fondazione della Comunità Salernitana, ha deciso negli ultimi mesi, di aiutare e sostenere gli artisti salernitani e, più in generale, la cultura, – dice il presidente Antonia Autuori – che a causa del lockdown hanno subito gravi perdite economiche. Molti di questi artisti e lavoratori del mondo dello spettacolo e della cultura non avendo contratti ben definiti non hanno potuto neanche usufruire delle misure di sostegno messe in atto dal Governo e dalla Regione. Ecco perché nasce ‘MusicAccanto’. Un progetto a sostegno di questa categoria, o meglio un progetto che vuol dare loro la possibilità di ripartire”.

Da qui l’idea di realizzare una serata a favore del Giardino della Minerva?

“Si, conosciamo le gravi difficoltà economiche che la struttura sta vivendo e come Fondazione, abbiamo pensato di realizzare una serata, quella di lunedì, all’Arena del Mare, che è un vero storytelling narrativo all’insegna della contaminazione tra stili e generi musicali, per cercare di raccogliere fondi da devolvere al Giardino della Minerva, che è un sito importantissimo della nostra città, che va tutelato e difeso. Speriamo che il pubblico salernitano risponda al nostro invito e che partecipi con entusiasmo”.

Quali altre iniziative state sostenendo in questo periodo?

“Abbiamo organizzato il ‘Festival delle Colline Mediterranee’, che è un contenitore che raccoglie diversi generi, dal teatro, alla musica, ai convegni. Noi abbiamo finanziato tutto il progetto dando così la possibilità a diversi artisti di esibirsi. Tutte le serate sono ad ingresso libero e ovviamente nel corso di queste serate chiediamo al pubblico di fare delle donazione per sostenere il Fondo per gli artisti e per la cultura da noi creato”.

Ci sono anche delle serate a pagamento?

“Alcuni spettacoli in programma avevano un costo abbastanza importante e ovviamente per sostenere tutte le spese abbiamo dovuto mettere un biglietto d’ingresso. Non si tratta di un biglietto molto alto però sono entrate che ci aiutano a coprire le spese”.

Sarete anche i promotori di quattro serate musicale che di svolgeranno in provincia?

“Sono quattro concerti, che coinvolgeranno moltissimi musicisti salernitani e che si terranno a Padula, Vallo, Paestum e alla Tenuta dei Normanni. Serate che rientrano sempre nel progetto MusicAccanto”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->