La Figc riparte da Enzo Faccenda

Scritto da , 31 agosto 2016

“Finalmente stiamo ritornando alla normalità”. E’ questo il concetto che hanno voluto esprimere all’unisono tutte le istituzioni della Figc Campania presenti al Convegno “Principali Modifiche alle Regole del Gioco” tenutosi presso la Provincia di Salerno. Arbitri e società insieme per un scrivere un nuovo capitolo della storia del calcio dilettantistico italiano. Presenti all’evento Enzo Faccenda, commissario della Figc Salerno, Alessandro Ferrara, presidente del Consiglio Comunale di Salerno, Giovanni Coscia, consigliere delegato allo sport della Provincia di Salerno, Alberto Ramaglia, Cosimo Sibilia e Virginio Quartucci. A prendere la parola per primo è stato Alessandro Ferrara che oltre a portare i saluti del Comune di Salerno ha voluto esprimere tutta la propria approvazione verso questa nuova era della Figc sia a Salerno che in Campania: “Le iniziative che sta mettendo in atto la Figc sono importanti e molto presto si vedranno i risultati. Da parte dell’amministrazione comunale non può che esserci massima vicinanza nei riguardi della Figc che come ho già spiegato sta facendo delle cose importanti per far si che la situazione a livello generale migliori sotto tutti i punti di vista”. A pensarla in questa maniera è stato anche il consigliere provinciale con delega allo sport Giovanni Coscia: “Si sta iniziando un nuovo percorso e di questo tutti dobbiamo esserne orgogliosi – ha rimarcato Coscia – a mio avviso bisogna iniziare a valorizzare e bene le categorie minori da dove possono venire fuori atleti e professionisti veri. A livello giovanile mi sento di rivolgere un caloroso saluto a Marco Pascale che tanto mi ha insegnato quando ero alle prime armi ma soprattutto il rispetto e la lealtà che sono principi fondamentali se si vuole iniziare questo tipo di carriera”. Poi è stata la volta di Virginio Quartucci: “Quest’anno spero che sia gli arbitri che le società possano prendere parte in maniera attivo a questo nuovo movimento creato dalla Figc – spiega – c’è tanto bisogno di rinnovamento in questo preciso momento storico”. Sulla stessa lunghezza d’onda come tutti i presenti in sala del resto il vice commissario della Figc Campania Alberto Ramaglia: “Credo che stiamo finalmente ritornando alla normalità – ha spiegato – queste riunioni non fanno altro che bene a tutto il movimento arbitrale ma non solo e personalmente ritengo che la cosa da sottolineare sia che adesso come non mai c’è bisogno di accomunare in maniera netta e decisa società e arbitri e non al contrario dividerli come si è fatto fino ad oggi. Salerno sta ritornando alla normalità ma per far si che si possa crescere ulteriormente c’è bisogno che tutti remino nella stessa direzione altrimenti poi si fa difficile. Noi non vorremmo mai prendere delle decisioni drastiche qualora si presentassero delle difficoltà e quindi credo e spero che tutti in questo senso facciano la loro parte”. In piena sintonia anche Cosimo Sibilia che tra tutti i presenti è l’unico nella sua carriera a non aver fatto l’arbitro: “Devo ammettere che mi trovo un pò a disagio ma come ha spiegato il collega Ramaglia se si vogliono ottenere dei cambiamenti rapidi e repentini non si può che remare tutti nella stessa direzione. Voglio precisare che viviamo un epoca di commissariamento che dovrebbe secondo regola finire il 30 giugno del 2017 ma anche prima se come ho appena detto tutto andrà per il verso giusto”. Non potevano mancare le conclusioni affidate al commissario Enzo Faccenda: “Siamo uomini di calcio ed abbiamo vissuto chi più chi meno tutti le stesse situazioni. Nel bene e nel male abbiamo fatto la nostra parte ma quello che ci deve contraddistinguere è la linearità con la quale stiamo operando e con la quale vogliamo cambiare la Figc. Personalmente poi vengo da una carriera di arbitro ed avendo dato rispetto a tutti altrettanto ne pretendo”. Raffaele de Angelis

Consiglia