La danza omaggia Italo Calvino partendo da Gioi Cilento

Taglio del nastro questa sera (sabato 12 giugno) per la terza edizione della rassegna di danza “Incontri”. Ad ospitare la prima data in cartellone è la suggestiva cornice del Convento di San Francesco a Gioi Cilento. Alle ore 20.00 l’ARB Dance Company inaugura con “Le città invisibili”, coreografia di Roberta De Rosa che prende spunto da un testo di Italo Calvino. La performance prevede la proiezione di un breve e ‘semplice’ cortometraggio. Danzatrice e coreografa Roberta De Rosa; voce recitante Michele Casella. “Nasco e cresco in provincia di Caserta, oltre ai rifiuti e alla camorra credo ci sia dell’invisibile ormai messo da parte. Non ho alcuna pretesa, se non la semplice volontà di raccontare, attraverso questo mio primo e sicuramente acerbo lavoro, ciò che credo sia necessario fare per non lasciare che l’invisibile ci sfugga” è quanto scrive Roberta De Rosa nelle sue note. A seguire la compagnia Déjà Donné con “Ravel.estratto” coreografia di Virginia Spallarossa: attraverso il rito del rave si perpetua la dimensione caotica dell’universo e diventa nuovamente possibile un approccio istintivo all’esistenza. Un’estetica della corporeità ebbra e sfrenata accompagna l’evasione dalle coordinate spazio-temporali coartate dalla società post-moderna. La ricerca disvela nell’essenza dell’estemporaneità, l’effimero, l’edonismo, il piacere puro grazie alla centralità di quell’atto semplice, piacevole e universale che è la danza. La danza e la musica tracciano la strada del viaggio fisico e mentale, come metafora di una vita ritmata da continui processi di ricerca e di liberazione attraverso percorsi di sovversione. Gli spettacoli replicano il giorno successivo, il 13 giugno. Diciotto sono le compagnie coinvolte in questa edizione, ventitré invece gli spettacoli che dal 12 giugno e fino all’11 dicembre 2021 scelti da Antonella Iannone che ne firma la direzione artistica. Se Salerno con l’Arena Ghirelli, il Teatro dei Barbuti, la Sala Pasolini e l’Auditorium del Centro Sociale in questo anno ospiterà gran parte degli spettacoli in cartellone, Gioi Cilento e Vallo della Lucania completeranno di fatto quello che è stato pensato come un vero e proprio viaggio tra i linguaggi dell’arte tersicorea. La formula sarà sempre quella di lasciare spazio alle sperimentazioni con una parentesi dedicata ai piccoli grazie alla sezione “Kids”. La rassegna Incontri è realizzata in collaborazione con Bimed e con il sostegno della Regione Campania e patrocinio del Comune di Salerno, del Comune di Vallo della Lucania e del Comune di Gioi Cilento. La rassegna è tra i progetti italiani ad aver ottenuto l’importante riconoscimento del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo che sostiene l’iniziativa. La direzione artistica è di Antonella Iannone. IL PROSSIMO SPETTACOLO IN CARTELLONE. Mercoledì 28 luglio la rassegna approderà a Salerno e precisamente sul palco dell’Arena Ghirelli (ore 21.00) con una coproduzione Borderline Danza e Balletto Teatro Torino in scena con “La settima”, spettacolo costruito sulle coreografie di Nicoletta Cabassi e Claudio Malangone e che nasce come il momento conclusivo di un “atto di pensiero” che coinvolge i due coreografi ai quali si deve la realizzazione di uno studio sulla stessa partitura musicale. Per il nuovo progetto hanno creato rispettivamente e separatamente sullo stesso tema e sulla stessa partitura musicale ma su movimento musicale e danzatori diversi.