La curva sud: «Non ci tesseriamo»

Scritto da , 15 Novembre 2012
image_pdfimage_print

Con un comunicato affisso in nottata, la curva sud Siberiano ha fatto sapere la propria linea in merito alla Tessera del Tifoso: “I gruppi ultras Curva Sud Siberiano -si legge nel comunicato- ribadiscono in maniera incondizionata la propria avversione ad uno strumento ripugnante quale la Tessera del Tifoso e soprattutto nei confronti dell’Art. 9, vera e propria aberrazione culturale, etica, costituzionale. Assurdo che in curva non abbia diritto ad avere il biglietto chi magari ha acceso un fumogeno 5 anni fa. Non ci fa difetto la coerenza: ammettiamo senza alcun problema che, presi dalla passione per la maglia granata e dalla foga di aggirare lo Stato oppressore, sono state utilizzare, nel corso delle prime trasferte di questo campionato, alcune modalità di acquisto dei taglianti d’ingresso che, alla luce di una attenta riflessione, non possono essere più condivise. Fare il biglietto utilizzando la Tessera del Tifoso di un altro sostenitore della Salernitana, o addirittura di appartenenti ad altre tifoserie, non è il modo più corretto, coerente, efficace per combattere la Tessera stessa e tutto quanto da essa deriva. (…). Pertanto, ci pare opportuno prendere le distanze, ideologicamente, da chi a Salerno ha scelto di tesserarsi: la linea adottata nella trasferta di Pontedera da parte di alcuni, sarà il filo conduttore del campionato dell’intera Curva Sud Siberiano. Non si acquisteranno i biglietti del settore ospiti, almeno che non lo si possa o si riesca a fare senza Tessera. Si vedrà la partita in disparte, magari in mezzo ai tifosi di casa, e se il servizio d’ordine di volta in volta, per facilitare il proprio lavoro, convoglierà tutti i tifosi in un unico settore, e bene questa sarà una sconfitta per la divisa stessa… Una piccola battaglia sarà stata vinta! (…) non condanniamo i tesserati di qualunque fazione essa siano, non ci permettiamo nessun atteggiamento di superiorità, non ci reputiamo migliori di nessuno. Semplicemente abbiamo fatto un’altra scelta. Semplicemente perseguiamo un’altra strada”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->