La Corte dei Conti “bastona” Bassolino: dovrà pagare 8 milioni per danno erariale

Scritto da , 10 gennaio 2015
image_pdfimage_print

Antonio Bassolino dovrà pagare 8 milioni di euro di danno erariale in qualità di commissario straordinario alla bonifiche: è quanto ha stabilità la Corte dei Conti della Campania sulla vicenda bonifiche in Campania. Tre condanne e 12 assoluzioni nella sentenza emessa ieri, ma pubblicata oggi. A quanto apprende Omninapoli, sono stati condannati dalla magistratura contabile l’ex governatore Antonio Bassolino e i subcommissari Vanoli e Cesarano rispettivamente a 4 milioni. L’imputazione è non aver adempiuto il contratto stipulato nel 2002 tra Ministeri Ambiente e Lavoro, Jacorossi e appunto Commissariato straordinario, ovvero non aver messo a disposizione l’apertura delle discariche: il contratto, del valore di 117 milioni di euro, prevedeva che la Jacorossi rimuovesse 350 mila tonnellate di rifiuti tossici e pericolosi dal territorio di 80 comuni in particolare nel litorale domizio-flegreo e nell’agro-aversano. Assolti, invece, gli ex assessori della prima giunta Bassolino, a cui era stata addebitata la presa d’atto di tale contratto ipotizzando una responsabilità solidale per circa 30 milioni,  Assolti anche l’ex ministro dell’Ambiente Willer Bordon e Raffaele Morese sindacalista Cisl all’epoca sottosegretario al Lavoro.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->