La Cogemal di Malangone è stata dichiarata fallita

Scritto da , 20 Novembre 2012
image_pdfimage_print

La Cogemal srl di Carmine Malangone è stata dichiarata fallita lo scorso 16 ottobre. Il costruttore di Pontecagnano aveva tentato di evitare il default e di salvare la società di famiglia con l’ammissione al concordato preventivo. Il tribunale di Salerno aveva anche concesso la procedura con decreto depositato il 1 febbraio 2012 al termine della camera di consiglio in seduta collegiale (presidente relatore Salvatore Russo, Giorgio Jachia e Maria Elena Del Forno i giudici). Secondo quanto fissato dal concordato la Cogemal doveva procedere alla “riscossione di crediti revisionati verso clienti e diversi, la vendita di quota della srl Modo e di immobili nella titolarità personale dei sodi e da loro conferiti, la liquidazione di attrezzature industriali e commerciali, con soddisfacimento dei crediti privilegiati divisi in classi (istituti di credito ipotecari; crediti di lavoro; crediti previdenziali nonché crediti tributari soddisfatti in parte integralmente e in parte previa transazione fiscale) e dei crediti chirografari soddisfatti con un nuova finanza in misura pari al 6,60% nel termine di trenta mesi. La convocazione dei creditori era prevista per il 17 ottobre scorso ma la dichiarazione di fallimento è arrivata il giorno prima in seguito alle istanza presentate da diversi creditori (da istituti di credito a dipendenti). Il tribunale civili, con provvedimento emesso in seduta collegiale, ha revocato il concordato perché, evidentemente, non erano venuti meno i presupposti stessi per il quale era stato concesso. Contestualmente si è provveduti alla nomina di Salvatore Russo come giudice delegato e di Giacomo Sorrentino come curatore della fallita Cogemal Srl. E’ stata fissata anche l’udienza per lo stato passivo che si terrà il 13 marzo 2013. Le domande di insinuazioni entro trenta giorni prima dell’adunanza. Non è da escludere che la famiglia Malangone presenti ricorsi forte della pronuncia favorevole del Tribunale Fallimentare al concordo preventivo. Con il fallimento della Cogemal srl si chiude una pagina di storia della città picentina che con questa denominazione sociale è arrivata alla ribalta nazionale nella pallavolo. La famiglia Malangone è stata protagonista di un’indimenticabile cavalcata che ha portato Pontecagnano a giocare in serie A2 (con sponsor Lavoro.doc). Un percorso che si è interrotto bruscamente nella passata stagione con strascichi disciplinari per il club picentino e per lo stesso Malangone. La Lavoro.doc Cogemal Pontecagnano fu penalizzata e Carmine Malangone è stato interdetto per tre anni da qualsiasi incarico federale per il macinato pagamento delle spettanze. Pontecagnano è ripartita dalla C con l’Enterprise con Malangone che non ha del tutto abbandonato il mondo del volley… Probabilmente dopo aver risolto qualsiasi tipo di controversia derivante dalla vecchia società.
 

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->