La coalizione si piega al monocolore deluchiano

Scritto da , 7 luglio 2015
image_pdfimage_print

di Andrea Pellegrino

Incassato il «monocolore deluchiano», ai partiti della coalizione non resta che riposizionarsi in aula regionale. Quanto ai posti di potere dovranno attendere il prossimo giro, quando l’esperimento tecnico di Vincenzo De Luca si concluderà. Per ora tutti a bocca asciutta e non senza prime proteste. Come quella del senatore Enzo D’Anna, promotore della lista “Campania in rete” rimasto fuori dai giochi in tutto e per tutto. «Una giunta – dice il senatore Gal – marcatamente di sinistra, senza spazio per i moderati». D’altronde pare non ci sia stato spazio neppure per l’Udc di Ciriaco De Mita che da Nusco segue l’evolversi dei lavori in religioso silenzio. In attesa di capire quanto durerà questo primo giro di Vincenzo De Luca. Sul tavolo De Mita aveva calato i suoi nomi più vicini, quelli di Luigi Cobellis ed Angela Pace per poi sfilare la figlia Antonia semmai ai “grandi eventi regionali”. Ma per ora la “politica” dovrà rimanere fuori da Palazzo Santa Lucia. «Siamo sotto esame – ha ribadito De Luca – e vediamo dove arriveremo». Poi si valuterà, dunque, per il governatore che ha tutta l’intenzione si superare indenne le prossime sfide giudiziarie. Ed anche il Psi sarebbe rimasto senza posti in giunta. E così spera nelle commissioni e nell’ufficio di presidenza, così come il Pd che da partito di maggioranza relativo dovrà ben sperare di piazzare i suoi nei posti chiave del parlamentino. Lello Topo avrebbe già opzionato la presidenza della commissione bilancio mentre resta confermata la guida del gruppo democrat a Mario Casillo. Antonio Marciano, invece, dovrebbe occupare una delle due poltrone di vicepresidente del Consiglio regionale mentre per conto dell’opposizione nell’ufficio di presidenza come questore e segretario dovrebbero andare Ermanno Russo (Forza Italia) e Carmine Mocerino (Caldoro presidente). Anche Scelta Civica spingerebbe per una presidenza da affidare ad Enzo Alaia, seppur il gruppo avrebbe fatto propria la nomina di Chiara Marciani nella giunta De Luca. Giovedì alle 16,00 la prima seduta del Consiglio regionale con l’elezione del presidente e dell’ufficio di presidenza, nonché con la comunicazione della giunta da parte di Vincenzo De Luca. Intanto Matteo Renzi ha incontrato il neo vicepresidente della Campania Fulvio Bonavitacola. Con lui uno scambio di battute in merito alla giunta annunciata ieri mattina da Vincenzo De Luca. «De Luca ha fatto un capolavoro, con sei donne su otto assessori. Ho saputo che anche Fulvio Bonavitacola dovrà andare presto a Casablanca», ha scherzato il premier durante un incontro sulle infrastrutture al Nazareno, alla presenza anche dello stesso deputato salernitano neo nominato numero due di Palazzo Santa Lucia.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->