La Cna è sul piede di guerra: “Barba sì, pedicure no: esclusione incomprensibile”

Scritto da , 15 Novembre 2020
image_pdfimage_print

di Erika Noschese

La seconda ondata di contagi e il lockdown dettato dalla zona rossa che scatta proprio oggi ha messo in crisi tanti settori, troppi. Dall’abbigliamento ai ristoratori, passando per i centri estetici, costretti ad altri 15 giorni di chiusura forzata, che dovranno fare i conti con l’ennesimo – e in alcuni casi decisivo – calo degli introiti. Sul piede di guerra ci sono soprattutto le associazioni di categoria che chiedono spiegazioni dopo la decisione del presidente del consiglio dei Ministri Giuseppe Conte che, nelle zone rosse, ha disposto l’apertura di parrucchieri e barbieri, chiudendo invece i centri estetici.

L’articolo completo sull’edizione digitale di oggi

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->