L’ addio a Guido Roma

Scritto da , 24 settembre 2017
image_pdfimage_print

L’ingegnere canottiere Stella d’oro al merito sportivo si è spento nella sera di ieri. Nel pomeriggio di domani 25 settembre, nella chiesa di Sant’Agostino alle ore 15,30 il rito funebre

Di Olga Chieffi

Se ne è andato nella serata di ieri l’ingegnere Guido Roma, rapidamente, da “giusto”, in un giorno particolare, mentre si scontravano gli armi di Oxford e Cambridge nella fontana dei Delfini della Reggia di Caserta, i piccoli atleti dell’Irno disputavano il trofeo Coni, e alla vigilia del mondiale assoluto di Canottaggio che prenderà il via proprio oggi in Florida, a Sarasota. I ricordi si affollano, tra i racconti, le sfide sostenute sin dagli anni ’50, con la fiamma biancorossa sulla canottiera, su ogni tipo d’acqua, a cominciare dal mare sul due senza insieme all’indimenticato Matteo De Crescenzo, in quel duro primo dopoguerra, quando si ricominciarono a mettere le barche in acqua, agli ordini del presidente Bellelli, in seguito nel disastroso mandato del Presidente Tortorella, che lo vide indossare la maglia del Circolo del Remo e della Vela Italia. Di lì la carriera di Guido tra remi e pagaie è stata lunghissima, sino a sei anni fa, quando crediamo l’ abbiano “fermato” a forza. Della sua lunga carriera, si ricorda la discesa del Po in miniskiff: partito da Torino arrivò a Chioggia in quattro giorni, percorrendo 440 chilometri a remi. Un’impresa simile a quella realizzata qualche anno dopo quando da Salerno remò fino a Capri, percorrendo in barca anche il ritorno. Più volte campione master sia in skiff che in kayak, ultrasettantenne, ha ottenuto il primato italiano assoluto al remo-ergometro, con il tempo di 2 ore 40’ e 15” netti, sulla distanza di km. 42,195, detenuto in precedenza da un trentenne, nonché nel 2004 è stato anche vicecampione italiano master dei 400 metri piani, ricalcando le piste di atletica leggera. Guido Roma, da ingegnere edile è stato un fine progettista sportivo, suo è il Palazzo dello Sport di Salerno, nonché un prototipo del remo a mannaia che vediamo oggi in uso su tutte le barche di canottaggio, conservato proprio nel Circolo Canottieri Irno, da lui realizzato. Pluridecorato dell’impegno motorio, nel 1977 gli è stato assegnato “Il Vincente”, premio del Panathlon International, e dirigente vulcanico, sua l’idea di un Museo della Canoa, è stato anche uno dei tedofori che, a Salerno, impugnò, infatti, la fiaccola olimpica per le Olimpiadi invernali di Torino 2006, nel suo passaggio in Campania. Imprese queste, riconosciute dal Coni che nel 2011 l’ha insignito della Stella d’Oro al merito sportivo e nominato anche presidente di questa prestigiosa associazione di sportivi stellati per il loro indefesso impegno nella divulgazione dei valori buoni dello sport. La sua passione è stata trasmessa ai suoi figli, l’indimenticata Roberta, Simona e in particolare a Fabiano, prima canottiere, quindi vice presidente della Federazione Italiana Canoa Kayak, che abbracciamo insieme alla sua famiglia. Domani pomeriggio, alle ore 15,30, il rito funebre nella chiesa di Sant’Agostino.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->